in

“Lo dice la scienza” ma sulla pandemia nascondono i documenti

di Robert Lingard.

Negli ultimi due anni siamo stati abituati a sentire super esperti dichiarare in tv che tutte le scelte di sanità pubblica sono state prese sulla base della scienza: “Lo dice la scienza!”.

Un mantra molto simile a quello di un passato non troppo lontano in cui si continuava a ripetere “Ce lo chiede l’Europa!”

Ma tornando alla pandemia, sia il Ministero della Salute che Regione Lombardia continuano a non fornire sufficiente documentazione a sostegno delle scelte fatte durante la gestione della pandemia.

Al netto del recente scoop di Fuori dal Coro sull’imbarazzante risposta del direttore della prevenzione sanitaria incapace di fornire documentazione a suffragio dell’imposizione dell’uso delle mascherine ai bambini, Regione Lombardia ha addirittura omesso di consegnare alla Commissione d’Inchiesta regionale i verbali del Cts sulla base dei quali avrebbe preso delle decisioni.

Viene da chiedersi: se tutte le decisioni sono state prese sulla base della scienza, quali possono essere le motivazioni che spingono ancora le istituzioni a nascondere documenti fondamentali nel fare luce sulla strage di Bergamo e dell’Italia e quindi sulla (mala)gestione della pandemia?

Cosa hanno da nascondere ancora Regione Lombardia ed il Ministero della Salute?
Visto che il Palazzo non vuole fare una commissione d’inchiesta, forse ce lo spiegherà molto presto la procura di Bergamo.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Caos-corsie negli ospedali: i risultati (drammatici) delle promesse tradite dalla sinistra italiana

La propaganda di Draghi sul gas e sul pagamento in rubli