in

La nuova mission di Speranza e Figliuolo: imporre la terza dose a 20 milioni di italiani

Nonostante le mille polemiche, i ritardi iniziali e le proteste di quegli italiani che non vogliono farsi imporre il vaccino come un obbligo, sottolineando come anche la scienza sia tutt’altro che sicura dell’efficacia e della sicurezza dei farmaci attuali, il governo Draghi tira dritto lungo la sua strada. Senza mai fermarsi a riflettere o per ascoltare qualche voce contraria, il ministero dell Salute ha così iniziato un confronto con il generale Francesco Figliuolo per iniziare a discutere del prossimo passaggio: la terza dose, per la quale si cercherà di abbandonare la logica dell’emergenza in favore di quella della programmazione.

Poche ancora, al momento, le certezze. Una, però, è che la Commissione Europea non confermerà, per l’anno prossimo, i contratti con chi produce i vaccini a vettore virale, in particolare con AstraZeneca. Proprio il farmaco, guarda caso, che in questi giorni è protagonista dei vari Open Day in Italia, difeso dagli esperti che improvvisamente ne tessono le lodi dopo tanti dubbi, e che fra 12 mesi sparirà completamente dal nostro mercato. L’accordo è per l’acquisto di 900 milioni di dosi di Pfizer, bastato sulla tecnologica dell’Rna messaggero e considerato per questo più affidabile sia per efficacia che per sicurezza.

Stando a quanto anticipato da Repubblica, il piano al momento sarebbe quello di somministrare la terza dose a quella fascia di popolazione considerata più fragile per età avanzata o particolari condizioni di salute. Una lista alla quale andrebbero poi aggiunti i lavoratori considerati “essenziali” e il personale sanitario, che in queste settimane ha più volte protestato contro l’obbligatorietà della vaccinazione. In totale, quindi, circa un terzo della popolazione italiana, con somministrazioni che potrebbero essere effettuate insieme a quelle dei farmaci antinfluenzali.

Per quanto riguarda i tempi, al momento la finestra che sembra più probabile è quella di inizio 2022, anche perché nel frattempo arriverà il green pass, altro obbligo che ci sarà imposto dall’Europa e che permetterà di viaggiare tranquillamente soltanto a chi nel frattempo si sarà sottoposto a vaccino, rendendo difficilissima la vita a chi ancora nutre dubbi in merito. Le somministrazioni potrebbero avvenire anche negli studi di medici e pediatri, con il personale sanitario che invece andrebbe vaccinato direttamente all’interno delle strutture nelle quali è impiegato.

Ti potrebbe interessare anche: Bill Gates, “relazione sessuale con una dipendente”. Lo scoop del Wall Street Journal

Giambellino, gli anziani in rivolta minacciano lo sciopero della fame

“Non sono stati protetti”. Attentato ad Attanasio, c’è un primo indagato: chi è