in

Bill Gates, “relazione sessuale con una dipendente”. Lo scoop del Wall Street Journal

Pubblicato il 17/05/2021 11:32 - Aggiornato il 17/05/2021 11:35

Tra le ombre di mistero che avvolgono la figura di Bill Gates si aggiunge anche questa. L’Ansa, riprendendo quanto riferito dal Wall Street Journal, informa che “il board di Microsoft decise nel 2020 che Gates doveva dimettersi”.

La società arrivò a tale decisione a causa di un’indagine condotta sui rapporti sentimentali che Gates avrebbe stretto “per anni con una dipendente dell’azienda”, rapporti che ovviamente erano ritenuti “inappropriati”. (Continua dopo la foto)

Il consiglio di amministrazione di Microsoft alla fine del 2019 aveva ingaggiato uno studio legale per indagare sul fatto. È stata la dipendente stessa, con una lettera, a sostenere di aver avuto una “relazione sessuale per anni con il fondatore della società”.

Stando a quanto racconta il Wall Street Journal Gates diede le dimissioni prima che l’inchiesta fu completata. Ma uno dei portavoce ha dichiarato al Wsj confermando l’esistenza della relazione, “c’è stata una relazione sentimentale quasi 20 anni fa che è finita amichevolmente”. (Continua dopo la foto)

Ma il portavoce ha voluto precisare che la decisione di lasciare il Cda “non fu affatto legata a tale questione”. Gates aveva deciso di abbandonare Microsoft con il desiderio di avere “più tempo per le attività filantropiche”.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Il balletto del coprifuoco: prima uno slittamento, poi forse l’abolizione. La decisione

Il Durc e l’inganno del posticipo delle scadenze da pagare