Vai al contenuto

“Ecco perché non c’è nessuna emergenza climatica”. Il premio Nobel asfalta i terroristi Green (VIDEO)

Pubblicato il 17/08/2023 10:48
John Clauser cambiamento climatico

Il 27 giugno scorso il premio Nobel per la Fisica 2022, John Clauser, ha tenuto un interessantissimo discorso alla conferenza Quantum Korea sulla crisi climatica e sul cambiamento climatico. A suo parere, sintetizzando, non c’è alcuna emergenza, e gli strilli e gli allarmismi sarebbero in realtà pilotati, finalizzati ad altro e non di certo alla salvaguardia del pianeta. Il suo intervento integrale è stato ripreso e pubblicato da LaVerità. Dice il Nobel nelle sue premesse: “Sono convinto che la reale verità può essere trovata solo osservando attentamente i fenomeni naturali. La buona scienza si basa sempre su buoni esperimenti e le buone osservazioni prevalgono sempre sulle elucubrazioni della teoria. Naturalmente, gli esperimenti approssimativi sono controproducenti e forniscono disinformazione scientifica: ecco perché i bravi scienziati ripetono con molta attenzione gli esperimenti degli altri”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ci mancherebbe altro che io non pianga la Murgia, ma…”. Mughini controcorrente (e ci va di mezzo pure Savino)
>>> “Censurate il premio Nobel!” Le sue idee sull’emergenza clima non piacciono ed ecco cosa gli succede

Poi John Clauser affonda: “I tecnocon sono coloro che usano la disinformazione scientifica a fini opportunistici: sono burocrati, politici, direttori di laboratorio di nomina politica, e simili, sono sommersi dalla disinformazione scientifica e a volte la creano e alimentano. […] Se la verità percepita è sufficientemente propagandata e pubblicizzata, essa finisce col diventare la verità, riducendosi così a un qualunque oggetto marketing di una impresa commerciale, comunemente utilizzato dai suoi promotori per scopi politici, commerciali, o altri scopi opportunistici di vario genere. E quando la promozione è fatta da un governo o da gruppi politici, essa si chiama propaganda”. Ecco dunque il monito di John Clauser: “La verità percepita è anche malleabile. Se si desidera venderla ma non si riesce a venderla, la soluzione è facile: si cambia la versione della verità o, se necessario, si possono portare a sostegno di essa osservazioni false”. (Continua a leggere dopo il video)
>>> Obbligo vaccinale, beffata la Corte Costituzionale. Ecco la sentenza e come hanno fatto

John Clauser e il cambiamento climatico: “Nessuna emergenza”

E allora, ecco la conclusione di John Clauser: “Son convinto che non vi sia alcuna crisi da cambiamento climatico. La verità vera può essere trovata se e solo se si impara a riconoscere e a usare la buona scienza; è questo è particolarmente vero quando la reale verità è politicamente scorretta e non appoggia i desideri dei leader politici o gli interessi e gli obiettivi di chi fa affari con la politica”. Secondo lo scienziato, inoltre, sarebbero sbagliati i calcoli alla base delle affermazioni sul cambiamento climatico: “Credo che il processo dominante sia stato identificato con un errore di un fattore di 200. […] La cosa più patetica di tutte è che a volte questi non sanno neanche cosa serve per fare i calcoli corretti: è la loro mancanza di conoscenza scientifica a trasformare la scienza in pseudoscienza, utile poi a promuovere quel-li che ho chiamato tecnocon, cioè obiettivi politici opportunistici”. La conclusione? “Non esiste una vera crisi climatica e il cambiamento climatico non causa eventi meteorologici estremi”.

Ti potrebbe interessare anche: Contro la santificazione della Murgia. Fulvio Abbate durissimo: “Contro il potere? Ecco chi era davvero…”