Vai al contenuto

Gruber, pugno in faccia alla Meloni. La replica della conduttrice è durissima: “Un finimondo!”

Pubblicato il 21/11/2023 14:13 - Aggiornato il 21/11/2023 17:47

Un botta e risposta al veleno, quello tra Giorgia Meloni e Lilli Gruber sul drammatico caso della morte di Giulia Cecchetin, la studentessa veneziana di 22 anni uccisa dall’ex fidanzato Filippo Turetta. Gruber aveva parlato durante la puntata di Otto e Mezzo di patriarcato, tirando in ballo la premier “che si fa chiamare presidente del Consiglio, al maschile”. La leader di Fratelli d’Italia aveva però prontamente replicato, pubblicando un’immagine che la mostrava insieme alla figlia Ginevra, alla mamma e alla nonna. Accompagnata da un post molto duro nei confronti della giornalista, che a sua volta ha deciso di rispondere per le rime. (Continua a leggere dopo la foto)
Meloni-Gruber, botte da orbi. Prima le accuse infanganti poi la risposta della premier. La lite (VIDEO)

gruber contro meloni

“Ora la nuova bizzarra tesi sostenuta da Lilli Gruber nella sua trasmissione di ieri sera è che io sarei espressione di una cultura patriarcale – aveva scritto Meloni – Come chiaramente si evince da questa foto che ritrae ben quattro generazioni di ‘cultura patriarcale’ della mia famiglia. Davvero senza parole”. (Continua a leggere dopo la foto)

gruber contro meloni

Gruber ha replicato al post, comparso sui social, con un messaggio per nulla conciliatorio: “Ringrazio Giorgia Meloni per l’attacco che considero una prima dimostrazione della sua volontà di aprire un dialogo costruttivo con la stampa, un esercizio di democrazia al quale lei è poco abituata. Le porte di Otto e mezzo sono sempre aperte”. (Continua a leggere dopo la foto)

gruber contro meloni

Tanti gli utenti che, in rete, si sono scagliati contro Lilli Gruber, accusandola di aver voluto montare un’inutile polemica in un momento in cui, invece, sarebbe stato meglio tacere: “Strumentalizzare anche la storia di Giulia Cecchetin è davvero disgustoso…”.

Ti potrebbe interessare anche: “Gli uomini devono fare mea culpa, anche chi non ha fatto niente”. Le parole di Elena Cecchettin fanno discutere