in

“Gli Stati ritornino alle restrizioni!” L’ordine viene dall’alto e l’obiettivo è chiaro: “Vaccinate il più possibile”

Pubblicato il 12/07/2022 20:29

L’Organizzazione mondiale della sanità torna “ad abbaiare”, per usare una citazione ormai famosa, su restrizioni e vaccinazione massiva. Nella giornata di ieri, il direttore generale Tedros Ghebreyesus ha avvertito che non è il momento di abbassare la guardia, sentenziando che «Il numero dei morti per Covid è troppo alto, i governi valutino il ripristino delle restrizioni». Per l’Ente fautore delle autorizzazioni in fretta e furia e della poca trasparenza, dunque, il tempo delle misure restrittive è tutt’altro che finito.
(Continua a leggere dopo la foto)

Restrizioni e vaccini unica soluzione

Come riporta il Corriere della Sera, secondo Ghebreyesus sono diversi i fattori che porterebbero a non dichiarare il cessato allarme: «Le sottovarianti di Omicron, come BA.4 e BA.5, continuano a guidare ondate di casi, ricoveri e morti in tutto il mondo. Inoltre, ed è il secondo punto la sorveglianza si è ridotta in modo significativo, rendendo sempre più difficile valutare l’impatto delle varianti sulla trasmissione, le caratteristiche della malattia e l’efficacia delle contromisure. E infine, il terzo punto è che la diagnostica, i trattamenti e i vaccini non vengono implementati in modo efficace».
(Continua a leggere dopo la foto)

Nihil sub sole novum

Ma quali sarebbero, secondo l’Oms, le risposte a questa nuova ondata? Ebbene, le stesse adottate in occasione delle ondate precedenti. In primo luogo il direttore generale auspica che i governi tornino ad imporre nuove restrizioni, in secondo luogo stabilisce che i vaccini restano l’arma più efficace di contrasto al virus. «C’è una grande distanza nella percezione del rischio derivante dal Covid-19 tra le comunità scientifiche, i leader politici e il pubblico in generale, è importante che i governi si concentrino sulla tutela delle comunità più a rischio, trovando i non vaccinati in modo da costruire il muro dell’immunità verso l’obiettivo di vaccinazione del 70%».
(Continua a leggere dopo la foto)

Dichiarazioni prive di ogni fondamento

Considerazioni, quelle dell’Oms, che fanno raggelare il sangue nelle vene di chi, come noi, ha già mal sopportato la sistematica distruzione dell’intelaiatura democratica del Paese. Non solo questo tipo di considerazioni sono deleterie per la loro totale insensatezza nel garantire un’efficace contenimento della pandemia, ma lasciano grossi dubbi anche sui reali scopi della suddetta Organizzazione. E’ ampiamente dimostrato dai dati, infatti, come restrizioni e vaccinazione massiva non abbiano affatto contribuito a migliorare la situazione globale, registrando migliori risultati proprio dove le misure di contenimento sono state applicate in maniera più blanda o dove erano del tutto assenti, come si può leggere in un nostro precedente articolo. Peccato che generalmente, come le precedenti esperienze insegnano, quando l’Oms ordina, i governi eseguono. Prepariamoci al peggio.

Potrebbe interessarti anche: “Rischio di tumulti in tutto il mondo”. Il gigante delle assicurazioni avverte le aziende: “Preparatevi!”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Rischio di tumulti in tutto il mondo”. Il gigante delle assicurazioni avverte le aziende: “Preparatevi!”

“Alterano il Dna”. L’incredibile ordinanza del tribunale di Firenze. Cosa scrive il giudice