in

“Io non ce la faccio più!”. Giordano chiude “Fuori dal coro” col botto: e chiama in causa tutti (il VIDEO)

Pubblicato il 30/11/2022 10:14

Mario Giordano, nell’ultima puntata della stagione della trasmissione di Rete4 “Fuori dal coro“, che riprenderà a gennaio dopo una piccola pausa (con polemica), è andato subito all’attacco per la tragedia di Ischia. “Io non ce la faccio più…. Quanti ipocriti!”, ha esordito. Chi è finito, stavolta, nel suo mirino? Con chi ce l’ha? Lo studio si riempie di ballerini vestiti come giullari e damigelle per l’editoriale del conduttore. “Voi ipocriti vi siete destati. Dov’eravate fino a ieri? Vi fate belli con le vostre parole ma voi sapete soltanto mentir. Con l’inganno cercate il consenso, nascondete la verità. Menzogneri, impostori, ipocriti”. Il conduttore inizia con la tragedia di Ischia. “Oltre al dolore che provoca la vicenda tutti se la sono presa con l’abusivismo. Ischia è un’isola abusiva?”. (Continua a leggere dopo la foto)

Giordano attacca diretto: “Ma se fino a ieri erano tutti per il condono, compreso Giuseppe Conte che lo ha fatto nel 2018, anche se oggi lo nega!”. Poi il conduttore, imbufalito, mostra il decreto dove è scritto chiaramente la parola “condono”, ben evidenziata in giallo. “Non fate gli ipocriti, è un condono! E adesso tutti scoprono che è l’abusivismo, anche il governatore della Campania Vincenzo de Luca che oggi dice che le costruzioni abusive vanno abolite. Ma dov’era fino a ieri?” si chiede Giordano. “È da sette anni che governa! Voleva usare il lanciafiamme contro le feste di laurea. Ma perché non lo ha usato contro le case abusive?”. (Continua a leggere dopo la foto)

Giordano tira ancora in ballo De Luca, ricordando le sue uscite contro i no vax durante la pandemia: “Perché non lo ha usato contro i suoi dirigenti che non hanno speso le risorse che avevano a disposizione per risollevare il territorio?” tuona. “Certo c’è il problema dell’abusivismo ma c’è anche una territorio che frana perché non si fanno gli interventi anche se i soldi ci sono. ve lo dico io perché! Perché sono degli ipocriti!” attacca Giordano che prosegue il suo editoriale sugli ipocriti facendo riferimento anche a Saviano che, secondo il conduttore, si merita la querela senza nessun appello. (Continua a leggere dopo il video)

“Non esiste un allarme democrazia né tanto meno una svolta autoritaria nel nostro Paese”, spiega Giordano. “La legge secondo la quale Meloni e Salvini querelano Saviano esiste da anni!” Poi Giordano si scaglia contro i giornalisti che hanno sollevato l’allarme democrazia per le domande durante la conferenza stampa di Giorgia Meloni sulla legge di bilancio. “Nessuna paura delle domande e nessun rischio per la libertà di stampa” spiega, ricordando come andavano le conferenze di Mario Draghi. “Dov’erano questi giornalisti quando i servizi segreti stilavano le liste di chi non era allineato sulla guerra in Ucraina? Sono tutti ipocriti” conclude. Applausi.

Ti potrebbe interessare anche: Pos e pagamenti in contanti, l’Ue blocca l’Italia: Meloni stoppata dall’Europa. Cosa c’è dietro

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Il film sui migranti che la sinistra non vuole farci vedere: “Ecco cosa fanno davvero le Ong”

Italia sotto choc: un bambino di soli 7 anni muore per un malore improvviso