in

“Come riconoscere i cibi a base di insetti”: guida all’etichetta, cosa dovete controllare al supermercato

Pubblicato il 10/07/2023 12:48 - Aggiornato il 19/09/2023 09:56

Non passa ormai giorni senza che l’Unione Europea non porti avanti la sua personalissima battaglia per la rivoluzione a tavola, in particolare insistendo sulle farine di grillo. Una sorta di imposizione, di fatto, visto che ai Paesi non resta che adeguarsi e dire addio alle vecchie, sane abitudini alimentari che portiamo avanti da anni. Secondo la normativa approvata dalla Commissione Ue a gennaio, della quale potete trovare qui il testo integrale, questi insetti potranno essere consumati in forma congelata, essiccata o in polvere. La farina prodotta in questo modo potrà inoltre essere aggiunta, tra l’altro, a prodotti da forno, pasta, torte e cioccolato. Attenzione, però, all’etichettatura e alle indicazioni che saranno fornite ai clienti, con particolare riferimento a chi soffre di allergie alimentari e rischia di avere reazioni pericolose. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Grassi e troppo salati”. La classifica dei migliori cracker, se ne salvano pochi: quali scegliere al supermercato
>>> “Pasta con grano 100% italiano, la classifica dei marchi”: quali scegliere per evitare sorprese

farina di grillo etichette alimentari

Alcuni prodotti con l’aggiunta di farina di insetti sono infatti già in vendita in popolari supermercati come Lidl, Conad, Coop o Esselunga. Sul prodotto sarà indicata la presenza di questo ingredienti, portato all’attenzione di chi è allergico ad aracnidi, crostacei e molluschi. Ma di preciso, quali parole troveremo scritte? Ecco una piccola guida per riconoscere subito i prodotti a base di grilli dagli altri. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Pizza a base di grilli tostati”: arriva in Italia ed è realizzata così. Dove trovarla e come riconoscerla
>>> “La classifica dei cibi che contengono insetti”. Senza saperlo li mangiamo già: ecco quando (e in che quantità)

Farina di grillo, cosa troveremo sulle etichette alimentari

I prodotti a base di farina di grillo come pane, cracker, grissini, pasta o pizza riporteranno il nome scientifico dell’insetto nell’etichetta. Il termine al quale fare attenzione è quindi “Acheta domesticus“. Nel caso di alimenti contenenti larve della locusta molitoria (potrà essere utilizzata per congelati, pasta, essiccati e prodotti in polvere) ci sarà invece l’espressione “Tenebrio Molitor” o, più facilmente identificabile, “Locusta migratoria“. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Il primo pane italiano con farina di grilli”. Come riconoscerlo sugli scaffali del supermercato (e quanto costerà)

Oltre a queste parole chiave, con tutta probabilità i prodotti saranno segnalati anche in maniera evidente sulla parte frontale della confezione, in modo da evitare di creare polemiche e confusioni. I cibi a base di insetti, inoltre, saranno distinguibili anche dal prezzo, che almeno per i primi mesi sarà sicuramente più alto della media.

Articolo pubblicato il 20 marzo 2023 e aggiornato il 10 luglio 2023 con maggiori informazioni

Ti potrebbe interessare anche: “Pesticidi nei biscotti, ecco in quali marche”. La classifica dei prodotti da evitare al supermercato

"Moderno sarà lei!", il nuovo libro di Gianluigi Paragone con prefazione di Mario Giordano.

Clicca per acquistare!

-->

“Il peggio di Berlusconi”. Rosy Bindi, vergogna su La Russa: come attacca il “morto” per colpire il “vivo” (VIDEO)

“La Russa, tutti i segreti dell’inchiesta”. LaVerità smonta la narrazione a senso unico sul presunto stupro