in

“Ecco chi sarà la vera sorpresa del voto”, la previsione dell’esperto di politica lascia tutti a bocca aperta

Pubblicato il 02/09/2022 17:33

Roberto D’Alimonte, politologo e docente della Luiss nonché esperto di sistemi elettorali, spiega in un’intervista a la Repubblica perché, secondo lui, Giorgia Meloni si trova ad essere la favorita di questa tornata elettorale, delineando anche quella che potrebbe essere la vera sorpresa del prossimo 25 settembre. «La gente vuole cambiare», dice l’esperto, parlando dei possibili scenari di voto.
(Continua a leggere dopo la foto)

Secondo l’esperto di sistemi elettorali, il sentimento comune in buona parte della cittadinanza italiana sarebbe quello dell’«Abbiamo provato tutti, ora proviamo anche lei», riferendosi a Giorgia Meloni. Quello che prevale, dunque, è un desiderio di novità, un po’ come accadde per Berlusconi, Renzi e Grillo. D’Alimonte infine spiega quali sono, sempre a suo dire, i rischi per una Meloni a palazzo Chigi: “Il vero pericolo di Giorgia Meloni a palazzo Chigi non è rappresentato dal fascismo, ma dall’incompetenza”. Il politologo conclude poi il suo ragionamento con un commento sul distacco tra centrodestra e centrosinistra: “Almeno 15 punti. E tale rimarrà, perché il voto last minute stavolta non cambierà i rapporti di forza”.
(Continua a leggere dopo la foto)

Insomma, secondo l’esperto, un governo del centrodestra a guida Meloni potrebbe presentare diversi problemi, ma dopo tante angherie causate dall’ennesimo governo di “larghe intese”, in cui tutti i partiti hanno fatto una vera e propria ammucchiata, la gente si è convinta che quella del voto a FdI possa essere una buona alternativa, evidentemente dimenticandosi di come la Meloni ed il suo partito facciano parte di quello stesso sistema che ci ha portati esattamente al punto in cui siamo.
(Continua a leggere dopo la foto)

Nella sua disamina, però, Roberto D’Alimonte tocca anche altri temi particolarmente interessanti, a partire dalla sottolineatura dei rischi legati all’astensionismo: “Quel quaranta per cento in realtà è fasullo, perché sappiamo già che almeno il trenta sicuramente non ci andrà a votare”. Infine, l’esperto rivela quale potrebbe essere la vera sorpresa del voto del 25 settembre, incensando il partito capitanato da Gianluigi Paragone: “Italexit? Potrebbe superare il 3 per cento, ed entrare in Parlamento”. Sono molti i sondaggi che danno Italexit – Per l’Italia con Paragone ben oltre la soglia di sbarramento, ma il fatto che una simile constatazione arrivi dalle pagine di Repubblica è ancor più indicativo del sempre più probabile successo del più famoso gruppo politico antisistema.

Potrebbe interessarti anche: “Lei è il ministro della Sanità, non il Marchese del Grillo”. Il dottor De Vita asfalta il ministro, e il VIDEO vola sul web. Ecco cosa ha detto

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Lei è il ministro della Sanità, non il Marchese del Grillo”. Il dottor De Vita asfalta il ministro, e il VIDEO vola sul web. Ecco cosa ha detto

I 10 punti di “ContiamoCi!” Italexit dice sì ed è pronta a lottare insieme per raggiungerli