in

L’80% dei morti ha un ciclo completo di vaccino! Iss, il bollettino certifica il tonfo dei vaccini covid

L’Iss (Istituto Superiore di Sanità) ha pubblicato l’ultimo “Report esteso” in data 17 giugno 2022. I dati contenuti al suo interno sono la pietra tombale sulla narrazione a senso unico sull’efficacia del vaccino. Decessi, ricoveri in terapia intensiva e fasce d’età rivelano infatti quello che noi diciamo da mesi: le cose non stanno come vogliono farci credere. E ora sono i numeri a certificarlo. La lettura di questi dati è esclusiva, perché nessuno ha voluto dare finora questa interpretazione. Ma procediamo con ordine. Specifica l’Iss: “Questo report è prodotto dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e riporta i dati della sorveglianza integrata dei casi di infezione da virus SARS-CoV-2 segnalati sul territorio nazionale, coordinata dall’ISS ai sensi dell’Ordinanza n. 640 del 27 febbraio 2020. Le informazioni contenute derivano da tutti i casi di infezione da virus SARS-CoV-2 che sono stati confermati tramite test molecolari e antigenici dalle Regioni e Province Autonome e segnalati al sistema di sorveglianza attraverso una piattaforma web dedicata. Il database nazionale si compone, pertanto, della somma dei casi presenti nei 21 sistemi informativi di Regioni e PPAA che sono stati sviluppati ad hoc per la sorveglianza COVID-19”. E ora diamo uno sguardo ai numeri… (Continua a leggere dopo la foto)

Dall’inizio dell’epidemia alle ore 12 del 15 giugno 2022 sono stati diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata COVID-19 17.860.159 casi, di cui 164.946 deceduti. Dall’inizio dell’epidemia sono stati diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata COVID-19 3.969.978 casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 19.127 ospedalizzati, 421 ricoverati in terapia intensiva e 57 deceduti. Dal 24 agosto 2021 al 5 giugno 2022 sono stati segnalati 532.755 casi di reinfezione. Nell’ultima settimana la percentuale di reinfezioni sul totale dei casi segnalati risulta pari a 7,4%, in aumento rispetto alla settimana precedente (6,3%). La campagna vaccinale in Italia è iniziata il 27 dicembre 2020. Al 15 giugno 2022, sono state somministrate 138.029.792 dosi (47.312.895 prime dosi, 49.915.692 seconde/uniche dosi, 39.990.290 terze dosi e 810.915 quarte dosi. Sulla base di questi dati ora andiamo a vedere decessi e ricoveri in terapia intensiva. (Continua a leggere dopo la foto)

Decessi

Il primo dato, davvero significativo è quello sui decessi: emerge infatti che circa l’80% dei morti è vaccinato con ciclo completo. Se si va a considerare l’ultimo periodo preso in esame dal report (con diagnosi tra il 22/04/22 e il 22/05/22), risultano 1632 morti vaccinati con ciclo completo, ossia il 79,3%; 393 non vaccinati che sono il 19% e 35 con una sola dose di vaccino, ossia l’1,7%, per un totale di 2062 deceduti. L’altro dato fondamentale da tenere in considerazione e che si può ricavare incrociando i dati del report è che il 68% dei morti totali è vaccinato con dose completa più dose aggiuntiva. Qual è dunque la funzione di questo vaccino? Altro aspetto da tenere seriamente in considerazione è quello relativo alle terapie intensive. Anche qui: cosa emerge? (Continua a leggere dopo la foto)

Terapie intensive

Stando al rapporto dell’Iss, nel periodo 29/04/2022-29/05/2022, risultano diagnosi con ricoveri in terapia intensiva per 505 persone, di cui 411 vaccinati, vale a dire l’81,3% del totale. Solo 2 di questi hanno un ciclo incompleto di vaccino (0,4%). I non vaccinati in terapia intensiva? 92, ossia il 18,3%. Per quanto riguarda i ricoveri siamo a 1897 non vaccinati (il 15%) 190 con ciclo incompleto (1,6%) 10440 ricoveri con ciclo completo, ossia l’83,4% per un totale di 12.527. Ultimo dato che estrapoliamo e mettiamo in risalto è quello sui contagi: su un totale di 637.122, emerge che i vaccinati sono 550.829 (86,5%); 7.000 con ciclo incompleto (1%) e solo 79.293 i non vaccinati, vale a dire il 12,5%. La domande finale alla luce di questi dati è scontata: a cosa serve questo vaccino? Ma soprattutto: è corretto chiamarlo vaccino?

Ti potrebbe interessare anche: Arcuri, ecco quanto ha guadagnato nell’anno da commissario all’emergenza. Scoperte le carte, scoppia un altro caso

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Elezioni in Francia, batosta clamorosa per Macron. Boom Le Pen, cosa può succedere ora

“L’Italia costretta ad acquistare troppi vaccini”: la rivelazione di Report, ecco come abbiamo arricchito i colossi di Big Pharma