in

Danni da vaccino, ecco l’odissea per ottenerne il rimborso (ammesso che ci siano i fondi)

Pubblicato il 03/07/2022 12:37 - Aggiornato il 03/08/2022 13:54

In caso di danni da vaccino il percorso per vedersi riconosciuta la correlazione con la puntura è lungo e tortuoso. I tempi sono biblici, la competenza è delle regioni e la trasparenza scarseggia. Il governo ha stanziato soltanto 50 milioni, una somma irrisoria rispetto alle segnalazioni pervenute. L’analisi de La Verità sugli indennizzi da effetto collaterale.
(Continua a leggere dopo la foto)

La situazione nel Regno Unito

Giusto per partire con un termine di paragone, nel Regno Unito sono stati pagati i primi indennizzi alle famiglie che hanno perso un parente in seguito alla vaccinazione anti Covid-19, o comunque a persone rimaste danneggiate da qualche effetto avverso. Ricevono al massimo 120.000 sterline, l’equivalente di 140.000 euro. La Nhs business services authority che gestisce il Vdps, il sistema che si occupa di valutare e, successivamente, autorizzare il pagamento a quanti abbiano riscontrato gravi reazioni avverse, ha confermato di aver ricevuto il 20 maggio scorso 1.681 richieste. In UK sono circa dodici le settimane necessarie per ottenere la valutazione delle cartelle cliniche. Tempi lunghi, certo, ma almeno qualcosa ha iniziato a muoversi.
(Continua a leggere dopo la foto)

La situazione in Italia

Ad oggi, invece, in Italia l’unica notizia che abbiamo in merito agli indennizzi da reazioni avverse, sono quei 77.468,53 euro ottenuti dai parenti di un’insegnante di Genova, deceduta il 4 aprile 2021 a seguito della somministrazione di Astrazeneca. Benché l’Aifa riporti un tasso di segnalazione di 99 reazioni avverse ogni 100.000 dosi e di 18 eventi gravi ogni 100.000, molti danneggiati dal vaccino hanno comunque iniziato a muoversi per procedere nel tortuosissimo percorso necessario per vedersi riconosciuta una correlazione col vaccino anti Covid. A differenza del Regno Unito, quelli che hanno ottenuto già un indennizzo in Italia si conterebbero sulle dita di una mano.
(Continua a leggere dopo la foto)

La reticenza del ministero

Come riportato da La Verità, al 31 dicembre 2018, erano 691 i danneggiati da vaccinazioni obbligatorie riconosciuti e indennizzati dal ministero della Salute, dei quali 27 deceduti. «Senza contare i soggetti riconosciuti ai sensi della legge 210/92, ma che non hanno ottenuto un soldo perché avevano presentato la domanda fuori dai termini di legge», ricorda Nadia Gatti, da 25 anni presidente del Condav, il coordinamento nazionale dei danneggiati da vaccino. «Una vergogna immensa. Stiamo parlando di persone che non miglioreranno mai, possono solo peggiorare le loro condizioni di vita. O morire, come spesso accade. Purtroppo però noi ci siamo, anche se le istituzioni fanno di tutto per nascondere la nostra esistenza dietro un silenzio colpevole».
(Continua a leggere dopo la foto)

I fondi (ridicoli) stanziati da Draghi

Il governo Draghi ha stanziato la bellezza di 50 milioni di euro per il 2022, una cifra che è apparsa subito ridicola prima ancora di avere un’idea sul numero di richieste ufficiali “per i danneggiati da
complicanze di tipo irreversibile causate da vaccinazioni obbligatorie”, verranno presentate quest’anno. Come stabilito da alcune pronunce della Corte Costituzionale, beneficiari dell’indennizzo sono anche coloro che hanno avuto danni permanenti da campagne vaccinali soltanto «raccomandate» dalle autorità statali, esattamente come avviene per i vaccini anti Covid.
(Continua a leggere dopo la foto)

Pochissima trasparenza sui numeri

Ma c’è un altro nodo. Dal 1 gennaio 2001 le competenze sono passate dal ministero della Salute alle Regioni, dove giungeranno, inoltre, le domande per indennizzo dalle vaccinazioni massive contro il virus della pandemia. La Lombardia, con 24 milioni di somministrazioni eseguite, ha ricevuto circa 200 richieste. L’Emilia Romagna 45, dopo aver inoculato 10,5 milioni di dosi. Il Veneto non vuole fornire dati, dice che è competenza dell’Aifa. Ça va sans dire che con questi classici scarica-barile all’italiana, la trasparenza va a farsi benedire. Benché le Regioni siano reticenti a fornire questi dati, se anche solo calcolassimo una media per ciascuna di venti domande di indennizzo, saremmo già a 400 presentate su tutto il territorio italiano.
(Continua a leggere dopo la foto)

Le considerazioni dell’Avv. Ventaloro

«I 50 milioni di euro stanziati basterebbero per una sessantina di danneggiati in modo grave, senza considerare i morti per vaccino anti Covid», commenta l’avv. Luca Ventaloro, che da trent’anni si occupa di indennizzi fra Rimini e Roma. L’avvocato segue circa 200 adulti con reazioni avverse da inoculazioni anti Covid «per i quali ho già presentato la domanda», e almeno altrettanti minori che hanno avuto problemi «principalmente da vaccino Mpr (anti morbillo-parotite-rosolia), da anti meningococco e da anti epatite.Su questo tipo di pratiche ci vogliono almeno sei, sette anni per arrivare ad una loro definizione. Inoltre, solo il 5% dei bimbi danneggiati ottiene un indennizzo. Senza nemmeno parlare della successiva lentezza nei pagamenti, per i quali passano anche quattro anni. Alla luce di questa tragica situazione ci si chiede cosa accadrà con la marea di richieste degli ultimi sei mesi, per le vaccinazioni contro il Covid.
(Continua a leggere dopo la foto)

Quanto spetta ai danneggiati

Nondimeno, i pochissimi “fortunati”, che nella sciagura di aver subìto un danno irreversibile si vedono riconosciuti il nesso con l’avvenuta vaccinazione, ottengono una pensioncina che va da un minimo 1.600 euro ad un massimo 1.800 euro ogni due mesi, più una tantum di circa 70.000 euro. Sarebbe possibile fare ricorso e ottenere un altro tipo di indennizzo che equivale a una pensione mensile di 4.000 euro, ma solo a patto di rientrare nella prima delle otto categorie previste, quella del danno più grave, come autismo o epilessia totale e irreversibile, la perdita di un arto o della funzionalità di un organo, perché si utilizzano ancora tabelle di lesioni e infermità più di ambito militare che civile), ripartita tra i familiari che prestano assistenza.
(Continua a leggere dopo la foto)

Un paradosso scandaloso

D’altro lato, per le pericarditi infantili, il danno può essere valutato basso, da settima od ottava categoria, sempre che non peggiori nel tempo. «Pare che le commissioni militari stiano riconoscendo le richieste dei danneggiati da vaccino Covid, vedremo che cosa accadrà in autunno», rivela l’avv. Ventaloro. Ovviamente saranno contemplati solo danni gravissimi, mentre per tutte le altre patologie post vaccino che non ricevono nemmeno una diagnosi, non è previsto alcun indennizzo. Insomma, lo Stato obbliga a sottoporsi a sperimentazione farmaceutica ma se poi ti succede qualcosa ti lascia completamente da solo, in balia dei problemi di salute, di quelli lavorativi e delle spese mediche da affrontare. Un vero scandalo.

Potrebbe interessarti anche: Contagi, vaccinati con tre dosi o non vaccinati è la stessa cosa. La sentenza senza appello. I numeri

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Contagi, vaccinati con tre dosi o non vaccinati è la stessa cosa. La sentenza senza appello. I numeri

Pronti ai razionamenti di gas e elettricità. Le scorte non bastano e già (in segreto) il governo si prepara al peggio