in

“Cuginastri ora però abbassate la cresta”. Paragone asfalta Macron: “Nessuna lezione da voi” (VIDEO)

Pubblicato il 13/11/2022 17:10

Il leader di Italexit, Gianluigi Paragone, è intervenuto sulla questione immigrazione e, nello specifico, sulle tensioni degli ultimi giorni tra Francia e Italia. “Mi viene da canticchiare Bartali, stupenda canzone di Paolo Conte avvitata tra donne scontrose, bei mazzi di rose e paracarri, sandali e nasi tristi come una salita e occhi allegri da italiani in gita. Già, è sempre un complesso di cose che fa sì che ci fermiamo qui a fare i conti con i soliti «francesi che si incazzano – lo dice lui lassù da Asti – e i giornali che svolazzano», impregnati di articoli sui rapporti tesi tra Parigi e Roma, con i cugini transalpini con il ditino alzato pronto a impartire lezioni”.
(Continua a leggere dopo la foto)

Paragone continua facendo un’analisi dei fatti avvenuti dall’insediamento del nuovo governo fino ad oggi: “Nemmeno il tempo di farsi dare l’incarico dal presidente Mattarella che già Giorgia Meloni doveva fare i conti con le damine di Macron e la loro voglia di darci voti, giudizi, promozioni o bocciature. Forse anche perché quelli che piacciono a loro li premiano con le onorificenze: da D’Alema a Letta, da Tajani a Emma Bonino, i politici non mancano affatto. Sembrava finita e invece è bastato il solito bastimento carico di disperati, sulle rotte di mercanti di donne e uomini, a rimetterci sulla casella del Via. A loro dire noi non accoglieremmo, noi non rispettiamo gli accordi, noi insomma siamo i cattivi; mentre loro, i francesi, sono responsabili, europei e accoglienti. In queste ore la conta delle responsabilità e dei carichi non si è fatta attendere, ma stavolta hanno esagerato con l’inutile predicozzo; tanto che non è stato difficile ricordare cosa accade dalle parti di Ventimiglia o, ancora peggio, dalle parti di Calais dove le traversate oltremanica consumano le persone in condizioni di viaggio bestiali”, sottolinea il segretario nazionale di Italexit.
(Continua a leggere dopo la foto)

Gianluigi Paragone continua la sua disamina mettendo in luce tutte le contraddizioni legate ai “cuginastri” d’Oltralpe, i quali sono notoriamente bravi a predicare bene ma razzolare molto male: “Ma questi fatti citati dai più non bastano per mettere a fuoco l’atteggiamento della Francia allorquando si parla di migrazioni e di flussi. Per decenni e decenni, il governo di Parigi ha sfruttato e sfrutta tuttora le sue ex colonie con politiche che non a caso vengono definite neocolonialismo. La Francia ha avuto per parecchio tempo e ha tuttora, per quanto allentato, un controllo diretto di molte sue ex colonie attraverso una moneta di proprietà della banca centrale transalpina, il franco Cfa, fonte di grandi dibattiti circa la reale autonomia di questi Paesi africani”.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il capo politico di Italexit non si esime dal toccare anche il tema economico, anch’esso strettamente legato al tema dell’immigrazione: “Non solo, attraverso la moneta, l’economia francese imprime il suo segno con prelazioni e controlli che lasciano ben pochi margini di manovra ad altri soggetti imprenditoriali. Come dicevo poc’anzi, il dibattito su questa moneta che nasce dal colonialismo ha evidenziato come abbondanti aree africane siano state messe nella condizione di dover cercare fuori da questa stretta una libertà economica che garantisse di uscire dalla povertà; in poche parole, la Francia sta schiacciando tuttora le persone in Africa in una strana idea di francesità, esattamente come fa all’interno dei propri confini con gli emigrati e i loro figli. La rivolta delle banlieu che sconvolse l’Europa per la durata della ribellione, era la risposta di una generazione di «figli di nessuno» traditi dall’assimilazionismo e orfani delle identità o delle radici dei loro genitori”, spiega Paragone, che sul tema in questione ha fatto anche una diretta che elenchiamo qui di seguito.
(Continua a leggere dopo il video)

L’analisi del leader di Italexit si chiude infine con la disamina del comportamento a dir poco scorretto dei nostri vicini, in quanto “La Francia vive nella contraddizione del voler essere un esempio di integrazione senza tuttavia che il successo di tale modello sia riconosciuto. Però loro si sentono vincitori e quindi titolari del diritto di giudicare gli altri. Ma non è così, infatti la reazione contro l’Italia nasceva proprio dalla esasperazione di chi (il sindaco di Tolone) non voleva aprire il proprio porto alla nave che il governo italiano aveva bloccato. La testata alla Zidane che il loro ministro dell’Interno Darmanin ha tirato al collega Piantedosi scaturiva proprio dal mal di pancia di provincie che fanno fatica a reggere la situazione. Pensare che l’Europa possa in nome del volemose bene modificare la situazione è una illusione: dovunque i cittadini non ne possono più delle tensioni generate dal non controllo delle società. Vale in Francia come in Italia. Alla Francia però ricordiamo che nelle sue ex colonie ha una responsabilità che altri non hanno”.

Potrebbe interessarti anche: “Finanziate dal parlamento tedesco”. Migranti, la Germania sfida l’Italia. L’Europa va in pezzi

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Finanziate dal parlamento tedesco”. Migranti, la Germania sfida l’Italia. L’Europa va in pezzi

“Ministro, ecco perché lei è una vera delusione”. Così Giordano asfalta il successore di Speranza