Vai al contenuto

“Dovete solo stare zitti”. Cruciani umilia così De Micheli (Pd): il VIDEO dello scontro

Pubblicato il 06/10/2023 12:45

Un tema che continua a far discutere, quello dei migranti e della gestione dei flussi. Con la sinistra che è tornata alla carica in questi giorno contro il governo Meloni, muovendo accuse quasi quotidiane. Proprio questo argomento è stato anche al centro della puntata di giovedì 5 ottobre di Dritto e rovescio, il programma condotto da Paolo Del Debbio su Rete 4. La dem Paola De Micheli, seguendo un copione già visto, ha subito incalzato, puntando il dito in particolar modo sulle nuove regole per i minori non accompagnanti. Una raffica di attacchi che ha fatto però sbottare Giuseppe Cruciani. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Rubare è lecito” Dritto e Rovescio, Cruciani massacra così il rapper in diretta (VIDEO)

cruciani de micheli video

“Dovete stare zitti per 50 anni sul tema immigrazione” è stata la dura replica del conduttore de La Zanzara. Che nelle ore successive è tornato a schierarsi contro i dem anche ai microfoni di Radio 24: “Il Pd ha la faccia tosta di dirci oggi ‘oddio ci sono 140mila migranti'”. (Continua a leggere dopo la foto)

cruciani de micheli video

Secondo Cruciani il Pd “è stato protagonista della vita politica italiana, al governo negli ultimi vent’anni e protagonista di grandi migrazioni a parte qualche piccola interruzione grazie alla ministro Marco Minniti, che ha cercato di porre qualche qualche freno”. (Continua a leggere dopo la foto)

cruciani de micheli video

Cruciani ha poi affermato che il partito di Elly Schlein “vuole presentare un disegno di legge in cui si dà il permesso (il diritto di asilo, ndr) anche ai migranti climatici e a chi scappa dalla povertà”. Una scelta che riguarderebbe potenzialmente “900.000 persone in Africa”, tutti possibili profughi ambientali: “Una follia, e avete il coraggio di parlare di 140mila migranti?”.

Ti potrebbe intressare anche: “Porcherie!”. Gender alle elementari, scoppia la guerra in Aula. Il VIDEO di Sasso che asfalta la sinistra è un capolavoro