in

“Covid, ecco che inverno ci aspetta”. Ricciardi “avverte” il futuro premier: “Cosa dovrà fare”

Pubblicato il 11/08/2022 10:22 - Aggiornato il 11/08/2022 10:23

Non vuole saperne di mollare la presa, Walter Ricciardi. Determinato a portare avanti la solita campagna di terrorismo mediatico anche mentre il resto del mondo continua a fare passi indietro sul fronte delle restrizioni anti-Covid, con un nuovo allarme lanciato proprio in queste ore su Twitter: “I colleghi australiani mi hanno appena segnalato la frequente rilevazione, da loro ora è inverno, di casi sia pediatrici che di adulti di plurinfezioni respiratorie (Covid più influenza più virus respiratorio sinciziale)”.

“Un serio avvertimento per la prossima stagione fredda, qualsiasi governo ci sia” ha concluso il consulente del ministro della Salute e docente di igiene all’Università Cattolica. Che ha voluto così indirizzare un messaggio chiaro: chiunque sarà il prossimo premier, sappia che dovrà fare i conti con una nuova emergenza Covid. Un passaggio reso ancora più inquietante dal fatto che le prossime elezioni vedranno candidati tanti virologi che in questi mesi hanno difeso a spada tratta le restrizioni adottate contro il virus, nonostante le proteste degli italiani.

La posizione di Ricciardi, d’altronde, era chiara da tempo. Soltanto pochi giorni fa aveva infatti dichiarato all’Adnkronos: “In questa fase in cui la vaccinazione è tornata alla gestione ordinaria, i medici di medicina generale hanno un grande ruolo. Ed è importante supportali in questo sforzo. Se poi verranno riaperti i centri vaccinali, le doppie dosi influenza-Covid potranno essere somministrate anche in queste strutture”.

“Due anni fa – aveva ricordato Ricciardi – abbiamo fatto una buona campagna per il vaccino antinfluenzale. L’anno scorso meno. Ma alla luce dell’esperienza australiana, quest’anno ci conviene rafforzare l’impegno. Serve prepararsi a una vaccinazione estesa sui due fronti: influenza e Covid”.

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“50% in più della Germania!” E anche Burioni è costretto ad ammetterlo: “Li curiamo male”

La quarantena non serve a niente. Ora è ufficiale, a confermarlo in ogni nazione sono i dati. Eccoli