x

x

Vai al contenuto

Caso Ferragni: “Truffa aggravata!”. Indagato anche il manager. Cosa ha deciso la Cassazione

Pubblicato il 30/01/2024 12:56

Non si ferma l’inchiesta della Procura di Milano su Chiara Ferragni e sul suo gruppo. E questa è già una notizia in sé. Perché non era certo che il caso rimanesse affidato ai giudici del capoluogo lombardo. Invece la Procura generale della Cassazione ha stabilito che l’indagine non verrà trasferita altrove. Quindi si procede speditamente, e ogni giorno sembra esserci qualche importante novità. Quella odierna è l’iscrizione nel registro degli indagati di Fabio Maria Damato, manager dell’influencer e suo stretto collaboratore. Damato è indagato per Truffa Aggravata per i casi del Pandoro, delle Uova di Pasqua e della Bambola Trudy. I giudici ritengono che il profitto derivato dalle presunte truffe sia stato ottenuto anche grazie al “rafforzamento mediatico dell’immagine” di Chiara. (continua dopo la foto)

potrebbe interessarti anche https://www.ilparagone.it/attualita/mattarella-non-e-il-mio-presidente-carabiniere-nei-guai-ecco-cosa-e-successo-e-cosa-rischia-video/

Ciò perché l’incremento del consenso ottenuto dalla Ferragni e dal suo consulente è stato associato al suo impegno personale in iniziative legate alla beneficenza. Nel frattempo la Procura generale della Cassazione ha dato motivazione delle sue decisioni con un nuovo documento. In particolare, sul caso Balocco, si legge che proprio il legame percepito fra l’influencer e le iniziative benefiche “ha contribuito al danno causato ai consumatori che hanno comprato il pandoro Pink… inducendoli in modo ingannevole e causando una lesione della libertà contrattuale e dell’autodeterminazione del cliente”. La compravendita, infatti, “non sarebbe avvenuta in assenza di manipolazioni pubblicitarie della realtà”. Soprattutto non a prezzo maggiorato. (continua dopo la foto)

Sì, perché il punto è proprio questo. Non c’era motivo per i consumatori di spendere 9 euro al posto di 3, se non perché pensavano, dopo tutto il bombardamento mediatico via social, di contribuire a un’iniziativa di beneficenza. Mentre in realtà contibuivano solo a pagare il cachet del loro idolo biondo. Per curiosità, gira anche voce che fra Fabio Maria D’Amato e Fedez non corresse buon sangue. Forse a seguito di scontri avvenuti in passato. Sta di fatto che, secondo i rumors, subito dopo lo scoppio dello scandalo sembra che il rapper avesse chiesto immediatamente l’allontanamento di D’Amato dal suo ruolo. Ed è probabile che sia anche questo un motivo della crisi piuttosto evidente fra i Ferragnez.

potrebbe interessarti anche https://www.ilparagone.it/attualita/lucarelli-contro-ferragni-ecco-i-nuovi-brand-che-la-abbandonano-mentre-chiara-come-se-niente-fosse/