in

“Cancro, esplosione enorme di casi”. Dati terribili nello studio internazionale: “cosa succede e perché”

Pubblicato il 07/09/2023 10:53 - Aggiornato il 09/09/2023 00:36

I casi di cancro sono davvero aumentati negli ultimi anni? E se sì, come si spiega questo allarmante fenomeno? Domande alle quali ha tentato di rispondere uno dei più grandi studi oncologici mai realizzato a livello globale, svolto da un team di esperti internazionali sulla base dei dati del Global Burden Disease (GBD). I risultati sono stati pubblicati di recente sulla testata scientifica BMJ Oncology e riportati anche da Fanpage: numeri alla mano, la ricerca ha rilevato come l’incidenza di tumori a esordio precoce tra le persone sotto i 50 anni” è aumentata del 79,1 % tra il 1990 e il 2019″. Le morti per cancro sono a loro volta cresciute, per la precisione del 27,7%. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Addio al diritto alla salute.” Ecco perché la sanità italiana è destinata a sparire: “I dati che ci condannano”

cancro casi in aumento perché

Il cancro al seno è la forma tumorale più frequentemente diagnosticata, con un aumento significativo nelle regioni dell’Asia: qui, le diagnosi di carcinoma mammario sono passate da 4,9-13,1 per 100.000 persone nel 1990 a 8,7-15,6 per 100.000 persone nel 2019. Nonostante “la crescente prevalenza di uno stile di vita occidentalizzato” e un migliore screening per i tumori abbiano avuto un ruolo, il team ha affermato che i fattori che determinano questo aumento non sono ancora chiari”. (Continua a leggere dopo la foto)

Gli stessi autori dello studio hanno cercato di fare chiarezza, però, sui dati riscontrati, invitando a non allarmarsi troppo: “I risultati si basano su numeri assoluti piuttosto che su tassi standardizzati per età, il che significa che questi numeri non tengono conto dei cambiamenti demografici come l’aumento delle dimensioni della popolazione o l’invecchiamento della popolazione”. La popolazione umana, nel periodo preso in considerazione, è infatti aumentata del 46%. (Continua a leggere dopo la foto)

Il team che ha condotto lo studio ha comunque sottolineato l’influenza dello stile di vita sull’aumento di diagnosi di cancro al di sotto dei 50 anni: “I fattori di rischio dietetici e il consumo di alcolici e tabacco sono stati i principali fattori di rischio per i principali tumori a esordio precoce nel 2019. Incoraggiare uno stile di vita sano, compresa una dieta sana, la restrizione del consumo di tabacco e alcol e un’adeguata attività all’aperto, potrebbe ridurre il carico del cancro a esordio precoce”.

Ti potrebbe interessare anche: “Ustica, cosa è successo davvero”. Il racconto del super-testimone: “I due caccia francesi…”

“Ustica, cosa è successo davvero”. Il racconto del super-testimone: “I due caccia francesi…”

“Multe ai genitori”. Dai cellulari alla droga: cosa cambia e chi rischia. Tutte le misure del “Decreto Caivano”