in

“Burioni va radiato dall’Ordine”: il virologo nella bufera, ora rischia grossissimo. Le accuse (pesanti)

Pubblicato il 12/07/2022 09:30

Brutta tegola per Roberto Burioni, una delle viro-star più onnipresenti dall’inizio della pandemia tanto sul piccolo schermo quanto sui social e che ora si trova a fare i conti con una richiesta di radiazione nei suoi confronti da parte del Codacons. Il Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori ha annunciato infatti “un nuovo esposto contro Burioni chiedendo all’Ordine dei Medici di Pesaro-Urbino la radiazione dall’albo per il virologo”.

Non solo. Oltre la radiazione, il Codacons ha infatti chiesto anche che Burioni venga di fatto silenziato, “vietandogli l’utilizzo dei social perché non perde occasione per tacere fare un uso sconsiderato e violento dei social network. Un atteggiamento che non può più essere tollerato e che va contro qualsiasi principio etico e morale alla base dell’attività di un medico”. Un attacco frontale, dunque, nato dall’ultimo, increscioso episodio che ha visto coinvolto il virologo.

Burioni era finito nella bufera nelle ultime ore perché protagonista di un episodio di bodyshaming nei confronti di una ragazza. Tutto era iniziato dopo un botta e risposta tra il virologo e il deputato leghista Alex Bazzarro sul tema della quarta dose di vaccino anti-Covid. Tra i numerosi commentatori della discussione, il virologo aveva replicato a una ragazza di nome Alessia che si era detta “orgogliosa che nella Lega ci siano persone come Alex Bazzarro”. Replica di Burioni: foto profilo della ragazza accompagnata dalla frase “capisco”, come a deriderla per il suo aspetto fisico.

Burioni aveva provato a quel punto a mettere la proverbiale pezza, scrivendo in fretta e furia: “Non ho il fisico per fare bodyshaming e non era mia intenzione farlo nei confronti di nessuno […] Se Alessia si è sentita offesa le chiedo scusa”. Nel frattempo, però, gli utenti erano già insorti contro il virologo, che ora si trova a fare i conti anche con una richiesta di radiazione dall’albo. Tacere, ogni tanto, non gli farebbe probabilmente male.

Ti potrebbe interessare anche: Superbonus 110%, arriva la beffa: la decisione del governo che fa infuriare imprese e cittadini

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Covid, i flop del governo ci riporteranno in emergenza 

Nessuno fa il vaccino spontaneamente. Il flop è clamoroso. I numeri di un disastro annunciato