Vai al contenuto

“I miei figli non lo faranno”. La clamorosa retromarcia di Bassetti spiazza tutti

Pubblicato il 15/09/2023 09:13 - Aggiornato il 20/09/2023 12:31

“È un errore” – clamorosa la retromarcia di Matteo Bassetti sui vaccini. Era stato uno dei volti più noti della pandemia, sempre in prima linea nella difesa delle scelte di Draghi e Speranza. Paladino delle restrizioni, dei lockdown, del green pass. Ora, però, anche Matteo Bassetti ha evidentemente capito che i tempi sono cambiati e che gli italiani non sono più disposti a veder calpestati i loro diritti. E così, ecco che il direttore di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova ha preso una posizione molto netta sui vaccini: “Farmaci anti-Covid per tutti? Non sono assolutamente d’accordo”. Un nettissimo cambio di rotta rispetto alle posizioni di un paio di anni fa. (Continua a leggere dopo la foto)
“Sì, dipende dal vaccino”. Bomba in diretta Rai: l’ammissione dell’esperto, gelo in studio (VIDEO)

bassetti retromarcia vaccino

I Cdc americani, un po’ l’equivalente della nostra Agenzia del Farmaco, hanno raccomandato la somministrazione dei vaccini alla popolazione in vista dell’inverno. Posizione che non ha però trovato d’accordo Bassetti, pronto a replicare attraverso l’Adnkronos: Non dobbiamo ricommettere il medesimo errore già commesso due anni fa allargando la vaccinazione a tutti da 0 a 100 anni senza nessuna distinzione”. (Continua a leggere dopo la foto)

bassetti figli non lo faranno

“Noi dobbiamo – ha spiegato Bassetti – per quanto riguarda l’Italia perché ovviamente a me dei Cdc interessa sinceramente poco, cercare di evitare gli errori commessi nel passato. I miei figli e mia moglie non si vaccineranno”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Ricordo che la quarta dose è stata fatta dall’8% della popolazione da 0 a 100 anni, quindi mi pare che sia stato un fallimento totale – ha poi rimarcato Bassetti – Dobbiamo proteggere una popolazione di soggetti fragili, ultrafragili e anziani, per cui io addirittura sarei dell’idea di non partire con la vaccinazione dai 60 anni in poi, ma di targetizzare i grandi anziani, cioè dai 70-75 anni in poi, più i fragili e gli ultrafragili con questo richiamo”.

Ti potrebbe interessare anche: Contenitori di plastica, milioni di persone a rischio. Allarme sulla sostanza chimica. Qual è e dove si trova