in

Attacco a “Danni Collaterali”. Dopo i ban Facebook, ora parte la campagna di fake e delegittimazioni

Pubblicato il 10/06/2022 13:17

Una realtà che fin dalla sua nascita è stata oggetto di un costante bombardamento da parte di Facebook, che ha cercato in tutti i modi di mettere a tacere quelle tante voci che si stavano unendo fino a formarne una sola. Nato come gruppo social aperto a tutti dalle pagine del senatore Gianluigi Paragone, fondatore del partito Italexit, “Danni collaterali” è cresciuto nel tempo fino a trasformarsi in una vera e propria associazione. Coraggiosa, nonostante i tentativi di continui di screditarla. Purtroppo ancora attuali, come dimostrato dall’ultimo episodio.

In questi giorni, infatti, gli utenti si sono imbattuti con loro somma sorpresa in un’immagine che ritrae l’endocrinologo e docente universitario Giovanni Frajese in compagnia della presidentessa di Danni Collateralli, la dottoressa Mariagrazia Spalluto. Sopra la testa dei due, l’immagine di un farmaco contro il diabete, Insumed. Qualcuno nel vedere questa associazione c’è anche cascato, chiedendosi come mai i due stessero facendo pubblicità a quel particolare prodotto. Niente di più falso, in realtà, una forma di manipolazione in piena regola.

A creare l’immagine è stato infatti il portale di benessere Usa artvintagerose.com, che ospita regolarmente articolo in cui si pubblicizzano prodotti definiti “naturali” e consigliati per questa o quella ragione agli utenti. Frajese e Spalluto, ovviamente, sono completamente ignari persino dell’esistenza di questo sito, che però non esita di tanto in tanto a sfruttare il successo della pagina Danni Collaterali, che in realtà raccoglie testimonianze e denunce relative agli effetti avversi dei vaccini, per farsi pubblicità.

Un caso che testimonia ancora una volta il clima di forte ostilità nei confronti dell’associazione Danni Collaterali: l’avvocato Giorgia Venerandi ha infatti spiegato di essersi già rivolta alla magistratura, ma nonostante questo la foto continua a circolare. Facebook, prontissimo nel condannare chi mette in discussione l’efficacia dei vaccini o i rischi legati alla somministrazione, tace, senza prendere provvedimenti. La conferma di quanto sia difficile, in questa Italia, combattere contro chi impone il bavaglio ai cittadini.

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Covid, i numeri dei morti non tornano: la conferma arriva dalla magistratura. Il caso

L’arroganza del potere colpisce un grande medico e scienziato. Barbaro, l’ordine dei medici emette la sua condanna politica