in

“Assassino!” Padova contesta il ministro e mette in scena il funerale della Costituzione, con tanto di bara

Sono state oltre duemila le persone che hanno sfidato il caldo torrido di questi giorni, trovandosi nell’Isola Memmia di Padova per una manifestazione durata circa tre ore. Successivamente è partito un corteo di contestazione per le strade del centro storico con tanto di bara e corona di fiori, rappresentando il funerale della Costituzione.
(Continua a leggere dopo la foto)

I No Green Pass tornano in piazza

Il popolo dei No Green Pass torna a scendere in piazza per protestare contro la dittatura sanitaria imposta dal governo Conte prima e quello Draghi poi. Uno dei personaggi più presi di mira dai manifestanti, ça va sans dire, è stato proprio il Ministro della Salute, Roberto Speranza, il quale è stato oggetto di dure critiche.
(Continua a leggere dopo la foto)

La manifestazione dei No Green Pass

Alle ore 16:00 di giovedì 2 giugno, in Prato della Valle, oltre duemila persone hanno risposto “presente” alla chiamata degli organizzatori. Nonostante il caldo anomalo degli ultimi giorni, i partecipanti hanno presenziato per ben 3 ore alla manifestazione, ascoltando i vari interventi. Particolarmente apprezzato quello di Stefano Puzzer, leader degli ormai famosi portuali di Trieste e simbolo della lotta al lasciapassare verde. Puzzer ha invitato tutti ad «andare a Roma a farci sentire, perché ci vogliono poveri e ignoranti e noi dobbiamo far loro capire chi siamo».
(Continua a leggere dopo la foto)

Il corteo e le contestazioni

Il climax si è raggiunto alle ore 19:00, quando il corteo di protesta è partito per attraversare le strade del centro storico, capeggiato da una bara di cartone sorretta da quattro uomini, una corona di fiori e una decina di donne vestito di nero con tanto di velo trasparente, rappresentando un vero e proprio funerale per la Costituzione della Repubblica Italiana. Non a caso il tutto è stato fatto proprio il 2 giugno. Durante la camminata sono partiti diversi cori contro il governo di Mario Draghi e, soprattutto, contro Roberto Speranza. Emblematico quello in cui si recita “Speranza, Speranza, ti abbiamo riservato una stanza (bara). Assassino! Assassino! Assassino!”, finito su molti profili Twitter.
(Continua a leggere dopo il video)

Il funerale della Costituzione

Nonostante il Green Pass sia stato temporaneamente messo da parte, il legittimo sentimento di rabbia verso l’infimo modus operandi degli ultimi due governi italiani resta acceso e ben radicato nel popolo libero. È giusto che ciò che è stato fatto non venga dimenticato e, soprattutto, che tutti coloro i quali abbiano contribuito in qualche modo alla mortificazione della Costituzione e dello Stato di diritto vengano aspramente criticati per il loro operato. Complimenti ai padovani liberi.

Potrebbe interessarti anche: “L’informazione sulla guerra è finita”. Nicola Porro spiega perché l’opinione pubblica è stanca del conflitto

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“L’informazione sulla guerra è finita”. Nicola Porro spiega perché l’opinione pubblica è stanca del conflitto

Crolla a terra me mentre fa jogging. Un altro “malore improvviso” si porta via un giovane medico