in

Nessuno vaccina i bambini. I numeri che distruggono Burioni e Speranza

Pubblicato il 28/03/2022 16:00

«La vaccinazione pediatrica nel nostro paese è andata malissimo». Queste le parole di Roberto Burioni a “Che tempo che fa” sui risultati della campagna per la somministrazione del vaccino covid ai bambini.
(Continua a leggere dopo la foto)

La virostar del “Servizio Pubblico”

Il professore, che da tempo presenzia in modo fisso negli studi televisivi della Rai, diventato famoso per i suoi “spiegoni” (senza alcun contraddittorio), si dice rammaricato per il fallimento della campagna vaccinale sui più piccoli: «Una catastrofe, una Caporetto. La vaccinazione pediatrica nel nostro paese è andata malissimo. Nella fascia 5-11 la media è del 33%, in alcune regioni siamo a livelli molto bassi. E’ importante tentare di convincere i genitori, che sono tantissimi».
(Continua a leggere dopo la foto)

Vaccinazione uber alles

Burioni, Professore di fama nazionale, famoso per le sue previsioni quasi mai azzeccate ed i suoi tweet provocatori contro gli odiati “no vax”, è noto ai più anche per via del suo integralismo rispetto al tema della vaccinazione. È risaputo infatti che Burioni, se potesse, vaccinerebbe anche le piante grasse che ha sul davanzale; non stupisce quindi il suo pubblico monito di correre a vaccinare gli infanti.
(Continua a leggere dopo la foto)

I dati GIMBE

In Italia meno di un bambino su dieci nella fascia di età 5-11 anni si è sottoposto alla somministrazione del vaccino anti-covid. Secondo la Fondazione GIMBE, nella fascia 5-11 anni sono state somministrate 2.417.151 dosi: 1.370.966 bambini hanno ricevuto almeno 1 dose di vaccino (di cui 1.225.734 hanno completato il ciclo vaccinale), con un tasso di copertura nazionale che si attesta al 37,3% con nette differenze regionali (dal 20,2% della Provincia Autonoma di Bolzano al 53,7% della Puglia).

Potrebbe interessarti anche: Vaccinati e reinfettati. I numeri che sgretolano l’efficacia dei sieri

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Orsini ora rischia anche la carriera universitaria”: la clamorosa indiscrezione di Repubblica

“Sanzioni penali per chi la usa”. La censura della Moretti supera ogni immaginazione