in

Covid, il fuorionda del primario intervistato da Report: “Ecco come avremmo potuto evitare migliaia di morti”

Pubblicato il 02/02/2022 15:03 - Aggiornato il 03/08/2022 14:16

Mentre il governo Draghi continua a insistere sulla strada della vaccinazione, resa obbligatoria per tutti gli italiani sopra i 50 anni di età con il resto della popolazione “costretta” comunque dal Green pass a sottoporsi all’inoculazione, il programma Report in onda su Rai Tre ha mandato in onda un servizio sulla vigile attesa. Come annunciato dal conduttore Sigfrido Ranucci, “siamo andati a vedere la sperimentazione di medici per quello che riguarda l’utilizzo degli antinfiammatori nei primi momenti dei sintomi di un paziente che ha il Covid”. Un video che non ha mancato di far discutere.

All’interno del servizio, Report ha preso in esame alcune cure sperimentate dall’Istituto Mario Negri di Milano e che hanno fatto registrare una regressione della malattia nell’80% dei pazienti trattati. “Abbiamo verificato che questi antinfiammatori non solo possono attenuare la sintomatologia della fase iniziale virale – ha detto Fredy Suter, il primario emerito dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo – ma possono ridurre le ospedalizzazioni e molto probabilmente anche i casi di morte”.

Secondo il primario, intervistato da Report, mentre la tachipirina non cura l’infiammazione, i farmaci antinfiammatori vanno alla radice del problema riducendo la probabilità di arrivare a un’infiammazione grave. Quando gli è stato chiesto come mai queste cure, nonostante gli ottimi risultati, non siano state generalizzate, Suter ha risposto che gli enti regolatori (come l’Agenzia Italiana del Farmaco) possono dare indicazioni soltanto sulla base di studi scientifici estremamente rigorosi.

“Il nostro studio ha dei limiti – ha chiarito Suter – Cercheremo di farne uno il più possibile corretto da tutti i punti di vista”. Una risposta che, secondo Report, era “diplomatica”. Ranucci ha sottolineato come, al momento di far emergere questo protocollo, sarebbero state riscontrate delle difficoltà con le istituzioni, visto che si sarebbero creati contrasti con il protocollo ministeriale della vigile attesa. Emblematico un fiori onda del primario, che pensava di non essere più registrato: “Solo con questa norma, avremmo risparmiato migliaia di morti”.

Ti potrebbe interessare anche: La Finanza a casa di Conte, nel mirino consulenze per 400 mila euro. Lo scoop del Domani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

La Finanza a casa di Conte, nel mirino consulenze per 400 mila euro. Lo scoop del Domani

Malore dopo il vaccino, Katia muore a soli 14 anni. La rabbia della famiglia: “Vogliamo la verità”