in

Superbonus 110 %: il Cappotto Termico

Pubblicato il 31/12/2020 09:49

di Domenico Armillei.

Isolamento termico a cappotto di un edificio serve a separare ed isolare un ambiente interno da un ambiente esterno. Nel caso di un’abitazione, si parla di cappotto termico quando all’involucro esterno della struttura, tetto compreso, viene aggiunto uno strato di materiale isolante (termicamente, ma anche dal punto di vista acustico) che permette un’elevatissima efficienza energetica. Abbiamo parlato dei vantaggi di un buon isolamento termico e acustico, sia in termini di comfort abitativo che di risparmio economico, ma c’è di più.

Grazie ai super bonus al 110%, varati la scorsa primavera dal governo col Decreto Rilancio, la riqualificazione dei vecchi edifici è diventata sempre più conveniente. Vivere in una casa dotata di unisolamento termico inadeguato, genera non pochi problemi e disagi, In particolare, il cosiddetto ponte termico. 

Cos’è il ponte termico.

Il ponte termico è quella zona locale limitata dell’involucro edilizio che rappresenta una densità di flusso termico maggiore rispetto agli elementi costruttivi adiacenti, i ponti termici aumentano la trasmissione di energia termica fornendo scorciatoie attraverso la struttura coibentata, riducendo il comfort interno e aumentando il consumo di energia. I ponti termici possono anche causare condensa e formazione di muffe, che si traduce in degrado della costruzione e rischi per la salute. 

Isolamento termico a cappotto: esterno o interno.

Il più diffuso è l’impiego di un isolamento a cappotto esterno rispetto a quello interno. Quest’ultimo, infatti, provocherebbe un inevitabile riduzione degli spazi vitali degli ambienti. 

In ogni caso, il cappotto interno non garantisce la stessa resa, in termini di isolamento termico, di quello esterno.

Come viene realizzato l’isolamento termico a cappotto.

Mediante l’applicazione, sulla facciata esterna dell’edificio(ecco perché del termine “a cappotto”) di pannelli isolantidi materiale, spessore e dimensioni variabili, ricoperti da un intonaco. I materiali più diffusi per la produzione dei pannelli isolanti sono: EPS, comunemente detto polistirene espanso; EPS o polistirene espanso con grafite; Lana di roccia; Fibra di legno; Sughero; PIR, pannelli isolanti in poli isocianurato.

Perché realizzare un isolamento termico a cappotto

Vediamo nel dettaglio quali sono le funzioni di un cappotto esterno:

  • isolare senza discontinuità dal freddo
  • utilizzare il volano termico costituito dalle pareti isolate
  • interessanti e sensibili risparmi economici ed energetici
  • condizioni stazionarie termo-igrometriche l’involucro
  • spazi abitativi confortevoli

Senza ombra di dubbio, oltre al il cappotto termico, anche la sostituzione dei serramenti sono elementi determinanti per un buon isolamento termico dell’abitazione (anche se i serramenti sono un elemento trainato) per aumentare le classi di isolamento della vostra abitazione, il DL. 34/2020 art. 119 c.2, da la possibilità di sostituire le finestre usufruendo della detrazione del 110% come intervento trainato

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Caos aliquote IVA per l’asporto

Covid, l’allarme della psicologa: “La manipolazione mediatica ci spinge verso la depressione”