in

In 50.000 contro la dittatura sanitaria. Marea umana invade Bruxelles

Come per la manifestazione di Milano con Montagnier i media del Draghistan cercheranno di nascondere i veri numeri, ma difficilmente riusciranno a tener nascosta l’entità della protesta che si è sprigionata oggi per le strade di Bruxelles. Secondo fonti di polizia citate dal quotidiano “Le Soir” si tratterebbe di oltre 50.000 persone scese in piazza per protestare contro i provvedimenti liberticidi spacciati per interventi volti a contenere la pandemia. La manifestazione si è svolta in modo pacifico e allegro fintanto la polizia non è intervenuta per disperdere la folla. A quel punto le frange più risolute hanno opposto resistenza e ne sono scoppiati scontri. (Continua dopo la foto)

GUARDA IL VIDEO DEGLI SCONTRI

Prese di mira le sedi delle istituzioni europee che hanno finito per diventare simbolo di un’oppressione che da finanziaria e burocratica si è trasformata in attentato alle libertà inalienabili di ogni individuo. Gruppi di manifestanti hanno risposto alle cariche tirando oggetti contro gli agenti, che hanno risposto con cannoni ad acqua e gas lacrimogeni. Automobili ed edifici hanno subito danni. La vera grande novità della manifestazione è rappresentata dal fatto che per la prima volta le diverse opposizioni europee si sono unite confluendo da varie parti d’Europa e sfilando al grido di «Libertà» e «Questa non è una pandemia, è una dittatura». Quindi manifestanti provenienti non solo dal Belgio, ma anche da Francia e Germania, Portogallo Olanda, Polonia e Romania. (Continua dopo la foto)

GUARDA IL VIDEO DELLA MANIFESTAZIONE

Da diverse settimane nella capitale belga si svolgono manifestazioni contro il green pass, necessario per accedere a ristoranti ed eventi culturali in particolare. Gli organizzatori, tra cui il movimento World Wide Demonstration for Freedom e Europeans United for Freedom, hanno invitato manifestanti di altri Paesi europei a partecipare questa domenica.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Ho messo wanted sui No Vax”. Italexit ha denunciato formalmente il governatore della Calabria

“I conti non tornano nei dati italiani”. I numeri di Gran Bretagna e Spagna sono il contrario dei nostri