Vai al contenuto

Un malore improvviso non gli ha lasciato scampo. Stefano aveva 44 anni

Pubblicato il 16/08/2022 19:39

Stefano Pasin è stato stroncato da un arresto cardiaco venerdì 13 agosto. Inutile il ricovero disperato al San Valentino di Montebelluna. Lascia la moglie e due figli, mercoledì 17 agosto il funerale. Il cordoglio delle comunità di Zenson di Piave e Selva del Montello, che in questo momento sono vicine ai familiari di Stefan, mancato all’affetto dei suoi cari due giorni fa all’età di 44 anni. A piangerlo oggi, oltre alla moglie Clara, anche i bambini Carolina e Carlos, mamma Marisa, papà Natalino, i fratelli Maurizio e Nicola. Persona schietta e sincera, si era fatto apprezzare da moltissime persone. 

Zenson di Piave in lutto per la scomparsa improvvisa di Stefano Pasin, mancato all’affetto dei suoi cari a soli 44 anni per un malore che non gli ha lasciato via di scampo. La tragedia è avvenuta a Selva del Montello, dove Pasin viveva con la moglie Clara, titolare di un allevamento di pinscher nani. Trasportato d’urgenza al San Valentino di Montebelluna, il 44enne non si è più ripreso.

Tanti i messaggi di cordoglio e di vicinanza alla famiglia da parte di amici e conoscenti che sono rimasti scioccati per questa morte improvvisa; un pensiero è arrivato anche da chi aveva condiviso con lui il corso 208 Allievi Carabinieri Fossano. “Stefano è stato un grande amico – si legge in un post nei social – Era un aggregante di amici, schietto e sincero. Che la tua anima riposi in pace”. “Stefano, sei stato sempre affettuoso, solare e di cuore in ogni tuo gesto e parola gentile – si legge in un altro post pubblicato su Facebook – Mi ha sempre colpito positivamente questo, di te. Ti ho visto poche volte di persona ma facevi affezionare a te da subito. E pure attraverso questo social hai fatto arrivare il tuo affetto con i tuoi saluti e la tua dolcezza. Ti ricordo così: speciale e innamorato infinitamente di Clara. Ti dico grazie per questa tua bellezza d’animo”.

Potrebbe interessarti anche: “E noi non paghiamo”. Scoppia la rivolta delle bollette e sono già in 100mila. E noi cosa aspettiamo?