in

Lutto nel mondo dello spettacolo. Si spegne a 32 anni la star del cinema, colpita da un malore improvviso

Pubblicato il 31/08/2022 17:42

L’epidemia di malori improvvisi non sembra risparmiare proprio nessuno, nemmeno le star di del “grande schermo”. Questa volta a morire prematuramente e senza un’apparente spiegazione è la modella ed attrice sudafricana Charlbi Dean, nota al grande pubblico per “Tringle of Sadness”, film vincitore della Palma d’Oro a Cannes lo scorso maggio 2022.
(Continua a leggere dopo la foto)

La carriera di Dean

Oltre a recitare nel film di Ruben Östlund, vincitore della Palma d’Oro a Cannes al fianco di Harris Dickinson e Woody Harrelson, Dean ha avuto ruoli in produzioni come Spud, Death Race 3: Inferno, Blood in the Water e Don’t sleep. Charlbi Dean era nata a Cape Town il 5 febbraio del 1990 e aveva esordito al cinema nel 2010 in Spud. Prima di recitare in Triangle of Sadness, pungente satira del capitalismo, la giovane aveva guadagnato popolarità per la parte di Syonide, uno dei personaggi ricorrenti nella serie tratta dai fumetti DC Comics ‘Black Lightning’ su CW.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il dolore dei colleghi

Oltre ad essere un’attrice di talento, Dean aveva anche posato per le copertine delle edizioni sudafricane di GQ ed Elle nel dicembre del 2018 e nel luglio del 2019. L’ultimo post che ha pubblicato su Instagram risale a cinque giorni fa. Si tratta di un servizio fotografico tratto da una campagna pubblicitaria. La sua collega e amica Nina Dobrev ha espresso il proprio dolore per la scomparsa improvvisa della Dean: “Un angelo è andato in cielo troppo presto, riposa in pace Charlbi. Spero che il paradiso sia come tu lo abbia sempre immaginato”.

Potrebbe interessarti anche: «Un Green Pass per entrare in città», i residenti dovranno “denunciare” amici e parenti. Scoppia la polemica

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

«Un Green Pass per entrare in città», i residenti dovranno “denunciare” amici e parenti. Scoppia la polemica

“È sconsigliato”. Si aprono le prime crepe in Europa. Il clamoroso dietrofront sui vaccini