in

“I vaccini erano conservati male”. 33 bambini sotto controllo. Panico in città e famiglie in allarme

Pubblicato il 03/08/2022 12:30 - Aggiornato il 03/08/2022 14:26

Riflettori puntati sull’ospedale di Pavullo. Da quanto risulta, sembra che siano stati somministrati alcuni vaccini contro il coronavirus oltre il termine previsto dopo lo scongelamento. La notizia è trapelata ieri, e viene riportata oggi in maniera più dettagliata dalla Gazzetta di Modena.
(Continua a leggere dopo la foto)

33 bambini richiamati per dei controlli

In questi giorni i genitori dei bambini, 33 in tutto, tra i 5 e gli 11 anni, hanno ricevuto una chiamata dall’Ausl di Modena in cui si è chiesto di portare i figli in ospedale per effettuare il test degli anticorpi.
Il farmaco iniettato è quello prodotto da Pfizer-Biontech e le dosi sono state somministrate tra maggio e giugno. Da quanto emerge, i flaconi utilizzati per l’inoculazione erano stati scongelati da più di 10 settimane, quindi oltre il tempo massimo previsto dai protocolli. Insomma, un po’ come si fa per le automobili uscite con dei pezzi difettosi, la casa madre richiama in sede per un “tagliando”.
(Continua a leggere dopo la foto)

La conferma dell’Ausl di Modena

Contattata dalla redazione della Gazzetta, l’Ausl ha confermato che «La somministrazione a minori è stata effettuata con una tempistica successiva a quella raccomandata, ad oggi, dalla ditta produttrice come ottimale in termini di efficacia, vale a dire 70+2 giorni dopo lo scongelamento». Finora nessuno dei bimbi ha lamentato malesseri o eventi avversi ma, al di là delle ovvie verifiche sull’effettiva efficacia del vaccino in termini di presenza anticorpale, avviate in seguito all’accertamento della non corretta modalità di conservazione, la preoccupazione nelle famiglie rimane tangibile.

Potrebbe interessarti anche: “L’unico senza mascherina è il cane”. Scoppia la polemica sullo spot dell’azienda italiana

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“L’unico senza mascherina è il cane”. Scoppia la polemica sullo spot dell’azienda italiana

Vaccinazione a tappeto! L’Europa prepara la campagna d’autunno e ordina un fiume di vaccini. La cifra scandalo