in

Intesa storica con gli Usa per la difesa del Made in Italy: si parte dalla Mozzarella Dop

Intesa storica con gli Stati Uniti per tutelare la mozzarella Dop. Sono passi necessari per proteggere i prodotti alimentari italiani di qualità negli Stati Uniti. Un grande plauso va al Consorzio della mozzarella di Bufala campana Dop che ha siglato a Caserta uno storico accordo con gli statunitensi del Consortium of common food names (Ccfn) sulla protezione della Mozzarella di Bufala campana Dop negli Stati Uniti.

In base all’accordo – sottoscritto dal presidente del Consorzio della Bufala campana Dop, Domenico Raimondo e dal vicepresidente nonché direttore del CCFN, Jaime Castaneda – i due enti riconoscono il carattere distintivo della denominazione Mozzarella di Bufala Campana Dop e viene stabilito che “qualsiasi richiamo testuale o grafico al territorio di produzione su un prodotto similare lede i diritti della Dop campana”.

Si tratta di una vera e propria svolta sul piano della tutela internazionale dei prodotti Dop e Igp europei e italiani. Il Consortium of Common Food Names associa aziende alimentari Usa che producono da decenni formaggi similari rispetto agli italiani Parmigiano, Grana, Pecorino, Asiago, Gorgonzola con fatturati di miliardi di dollari e un budget annuale di decine di milioni da destinare a uno dei principali obiettivi del CCFN ovvero quello di affermare sui mercati internazionali la genericità di nomi come Parmesan, Asiago, Gorgonzola o lo stesso Mozzarella.

Un’associazione che oltre a disporre di cospicui mezzi finanziari adotta anche strategie aggressive che danneggiano l’agroalimentare italiano di qualità vera. Adesso invece questa importante intesa potrebbe segnare il passaggio da una logica di veti incrociati alla definizione di regole di convivenza sul mercato che possano fare da cornice a una sana concorrenza.

“Questo accordo – ha commentato il vicepresidente del CCFN, Jaime Castaneda– porterà chiarezza ai consumatori americani e globali proteggendo al contempo la loro capacità di scegliere tra un’ampia selezione di prodotti alimentari di alta qualità”.

.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/consumatori/rimborso-bollette-28-giorni/

Germania a un passo dalla recessione: ora la Merkel si riscopre contraria al pareggio di bilancio

La tutela dei minori tra diritti e assistenza (Parte 3)