in

“Aumento medio di oltre 1000 euro”: la riforma del catasto diventerà una stangata

L’Europa chiede, anzi pretende. E l’Italia puntualmente obbedisce, governata da politici totalmente asserviti all’Unione che antepone da tempo gli interessi di banche e multinazionali a quelli dei semplici cittadini. Un copione che si sta ripetendo anche sulla discussa riforma del catasto, avviata dal governo Draghi proprio per soddisfare gli appetiti di Bruxelles. E che inevitabilmente porterà a un aumento delle imposte, anche se gli esponenti dell’esecutivo si sono già affrettati a promettere: “Fino al 2025 nessuno dovrà pagare un euro in più”. Ma come stanno davvero le cose?

"Aumento medio di oltre 1000 euro": la riforma del catasto diventerà una stangata

In realtà le prime stime dell’impatto della riforma catastale sul portafogli delle famiglie hanno già iniziato a circolare, per nulla rassicuranti. La riforma dovrà rivalutare le attuali rendite ai prezzi di mercato ai fini Imu, e di conseguenza Tare e Isee. Il Tempo ha pubblicato in queste ore uno studio realizzato dalla Uil-Servizio Lavoro, Coesione e Territorio che evidenzia come l’aumento medio potrebbe essere addirittura del 128,3%. Tradotto in soldoni, si passerebbe da una spesa media attuale di 896 euro a una di 2.046 euro, con una spesa di 1.150 euro in più per unità operativa.

Non arrivano notizie migliori, sempre secondo lo studio, dal fronte Isee: in media risulterebbe più che triplicato, con un boom del 318%, aumento accompagnato ovviamente da un esborso maggiore anche sul fronte Tari, la tariffa sui rifiuti. Una batosta non uguale per tutti: la ricerca ha infatti sottolineato come la rivalutazione delle vecchie rendite ai valori di mercato, se venisse adottata come nuova base per il calcolo delle imposte, “picchierebbe duro sui centri, meno in periferia”. Con un’unica certezza: “Nessuno pagherebbe meno di quanto oggi versa al Fisco”. Non proprio la migliore delle notizie, per le famiglie italiane.

I rincari più forti si farebbero registrare nelle grandi città: +189% a Trento, +183% a Roma, +164% a Palermo, +155% a Venezia, +123% a Milano. Uno scenario che, tra le tante conseguenze, porterebbe molte famiglie a perdere agevolazioni come gli sconti sulle rette degli asili o sulle mense scolastiche, e impedirebbe ad altre di avere accesso a programmi di sostegno come il reddito di cittadinanza.

Ti potrebbe interessare anche: Israele, lo studio che mette in discussione l’immunità di gregge: focolai continui tra vaccinati

“Il mio gesto non è servito a nulla”. Tutta la rabbia della poliziotta No Green pass

Studentessa si sente male a scuola ma la madre non ha il green pass: cosa è successo