Vai al contenuto

“Spari e paura in Vaticano”. Un’auto forza l’ingresso: cosa è successo e chi c’era al volante

Pubblicato il 19/05/2023 07:57
Vaticano auto forza ingresso

Paura in Vaticano. Sembra un film e invece è la realtà. Un’auto forza il posto di blocco e piomba nella città del Papa. Seguono urla e spari, poi l’incredibile epilogo. Ma cosa è successo? Mentre lo Stato più piccolo del mondo è di nuovo al centro dell’attenzione mediatica per gli ultimi sviluppi sul caso Orlandi, ecco che accade l’incredibile. All’ingresso dello Stato Città del Vaticano, a Roma, attorno alle 20 del 18 maggio, un’automobile con un uomo alla guida ha forzato l’ingresso di Sant’Anna al Vaticano. Dopo che gli è stato impedito l’accesso dal Corpo della Guardia Svizzera Pontificia, perché privo delle autorizzazioni, l’uomo è uscito dall’Ingresso ma, dopo aver fatto manovra, è rientrato a forte velocità, forzando i due varchi di controllo, della Guardia Svizzera e del Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “L’80% dei condizionatori è da cambiare”. Chi dovrà farlo e entro quando: il regolamento Ue

Nel tentativo di fermare l’auto, l’ispettore della Gendarmeria, di guardia al varco, ha sparato un colpo di pistola. La sua intenzione era quella di colpire le gomme anteriori del veicolo per bloccarlo, ma non ci è riuscito e ha preso il parafango anteriore sinistro. L’uomo ha dunque forzato l’ingresso e proseguito la sua folle corsa dentro il Vaticano. Immediatamente è stato diramato via radio il codice di allarme. Il corpo di guardia ha subito chiuso il Portone della Zecca che permette l’accesso alla parte posteriore della Basilica di San Pietro, ai giardini vaticani e a Piazza Santa Marta. A quel punto l’auto aveva già raggiunto il Cortile di San Damaso. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Arriva la tassa Ue sull’eredità: come funzionerà (e perché Bruxelles vuole imporcela a tutti i costi)

Vaticano, auto forza ingresso: paura e spari. Chi c’è al volante

Quando si iniziava a temere il peggio, dopo aver forzato l’ingresso il conducente è sceso autonomamente dall’auto e si è fatto prendere. In pochi secondo è stato bloccato e posto in stato di arresto dal Corpo della Gendarmeria. Da quanto riporta la Rai, si sa che l’uomo ha circa 40 anni ed è stato sottoposto immediatamente a una visita dei medici della Direzione di Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano. Gli specialisti hanno riscontrato un grave stato di alterazione psicofisica. Attualmente la persona si trova in una cella detentiva della Caserma della Gendarmeria.

Ti potrebbe interessare anche: “Rischia la sospensione”. Dopo Giletti anche Gruber, terremoto a La7: lo scoop di Striscia (VIDEO)