in

Uffici chiusi alle 17.30, negozi alle 19: il governo prepara il “lockdown energetico”, ecco come funzionerà

Pubblicato il 13/09/2022 08:51

Orari ridotti o aperture a singhiozzo. Continua a delinearsi il piano del governo contro la crisi energetica e che, col passare delle settimane, sta assumendo sempre più i lineamenti di un vero e proprio lockdown, nonostante le rassicurazioni di facciata dell’esecutivo Draghi. Decisioni ufficiali non sono ancora state prese, ma la sensazione è che a causa dei rincari, che iniziano a farsi sentire su ogni esercizio commerciali, quello che vivremo sarà un inverno senza precedenti.

I numeri parlano di difficoltà crescenti: secondo l’ultima indagine realizzata dalla Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza i costi dell’energia sarebbero saliti già del 121%. Un dato che si accompagna ad aumenti molto marcati nei singoli settori: +181% nel dettaglio alimentare, +161% per alberghi-ricettività e +123% per la ristorazione, oppure +119% e +116% per i negozi non alimentari e i servizi. Un situazione che rischia di farsi presto insostenibile per tante attività.

Alberghi e ristoranti, già costretti a vivere anni difficilissimi a causa della pandemia e delle chiusure forzate imposte dai governi Conte e Draghi, sono i settori in cui il rischio chiusura è più alto: il 15% di chi lavora in questi rami è a rischio chiusura, il 10% di sospensione temporanea dell’attività. E il rischio è che molte realtà si trovino presto a fare i conti anche con l’obbligo di chiudere in anticipo, come trapelato in queste ore.

Studio Aperto, il telegiornale di Italia 1 curato dalla redazione di TGcom24, ha anticiato i possibili scenari futuri, sottolineando come tra le ipotesi sul tavolo c’è anche quella di chiusure anticipate per tante attività, così da risparmiare energia. Per gli uffici pubblici lo stop potrebbe scattare alle 17.30, per i negozi alle 19, per i locali alle 23. Un’ipotesi che ha già allarmato i rappresentanti di categoria, contrari a questa ipotesi che andrebbe a delineare un vero e proprio lockdown energetico, insostenibile per molti imprenditori.

Ti potrebbe interessare anche: Vespa censura Italexit. Il conduttore cancella Paragone dal sorteggio per la prima serata. Vergogna!

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Vespa censura Italexit. Il conduttore cancella Paragone dal sorteggio per la serata di chiusura con i leader

“Come ai tempi del crac Lehman Brothers”. Ecco perché la crisi energetica può travolgere l’economia reale: lo scenario da incubo