in

Stampa e Tv oscurano le battaglie dei genitori di disabili: ecco i nomi!

Pubblicato il 15/06/2022 19:47

Da ottobre ad oggi ho condotto la battaglia per le terapie riabilitative per i bimbi con problemi di neurosviluppo e le loro iscrizioni nei nidi comunali e nelle materne. Fuori dal contesto elettorale appena concluso, Tg3, Primocanale, telenord, telegenova (per le TV locali ) secoloxix, Repubblica , genovatoday, liguriaoggi, la voce di Genova (per le testate giornalistiche ) hanno oscurato, censurato e trattato marginalmente il problema della disabilità. Proverò con la presente a perorare la mia tesi :

Primocanale —-15/11/2021 il governatore dopo aver erogato 158.000 euro all emittente si reca lì a festeggiare il rinnovo del portale anziché essere in commissione sanità ad ascoltare i problemi dei bimbi disabili e l’emittente stessa taglia e cuce ad ok tratti di una trasmissione avventura in diretta a febbraio dando il giorno successivo un messaggio deviato volto ad esaltare le esigue assunzioni in Asl che non coprono ne copriranno il fabbisogno delle 1200 famiglie di bimbi disabili e non montano la soluzione ovvero la rimodulazione tra privato accreditato e Asl previo pagamento dei 5 milioni di euro che porterebbe a dimezzare il problema in essere
Inoltre bisogna entrare in diretta da Cirone per far vedere le immagini della consegna del documento alla terza carica dello stato malgrado il giornalista fosse di fronte al sottoscritto.—
Tg3 — malgrado il sottoscritto passi i video della consegna del documento sistema bambino dato a ogni politico nazionale ed europarlamentare ai giornalisti , malgrado passi le immagini di quanto fatto telegiornali alla mano se viene fatto un piccolo accenno é come fosse grazia ricevuta
Telenord e telegenova – a parte un servizio appena sceso in piazza mai pervenuti se non per intervistare il governatore Toti che dichiarava ” e solo un papà per altro preso in carico dal sistema nazionale e un sindacato di minoranza”riferendosi a usb.

Passiamo poi ai giornali web e non. Secoloxix , Repubblica malgrado io mandi ai giornali di cui ho i contatti tutto celermente ho visto 4 articoli in sei mesi sui bimbi disabili e sempre molto soppesati quasi vi fosse paura di denunciare il problema nella sua interezza.

Genova today, liguriaoggi, la vocedigenova malgrado io passi materiale ai giornalisti di cui ho i contatti devo litigare per farlo pubblicare. In più di un occasione ho dovuto rimarcare che pubblicare la notizia alla sera di replica alle istituzioni malgrado io abbia risposto celermente ad esse ledeva i bambini e le famiglie perché non dava la visibilità eguale a chi sta subendo questa situazione rispetto a chi governa.

Ultimo ma non ultimo
STRISCIA LA NOTIZIA. Dovevano tornare a marzo… E guarda un po’ hanno rinviato ad aprile e poi hanno detto che essendo sotto periodo elettorale non potevano tornare perché mettere in cattiva luce il governatore Toti avrebbe leso al sindaco Bucci. In barba al diritto alla cura leso di 1200 famiglie genovesi e 2000 in Liguria.

Spiace che anche il fatto Quotidiano, open e quindi il dottor Travaglio e il dott Mentana a cui più volte ho scritto non abbiano sprecato una riga , un minuto per questa inaccettabile situazione.

ORA AMMESSO CHE TUTTO CIO’ SIA ACCETTABILE , CHE TUTTO CIO’ NON DEVII L’INFORMAZIONE OSCURANDO I PROBLEMI DI CHI VIVE LA DISABILITÀ TUTTI I GIORNI MI DOMANDO SE L’INFORMAZIONE SIA VERAMENTE LIBERA …. IN LIGURIA e a GENOVA

Marco Macrì coordinatore delle 1200 famiglie con disabilità a Genova , 2000in Liguria

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Un pezzo di Chianti in mano ai francesi, ennesimo scandalo di un Paese svenduto

Risparmi a rischio, nelle banche italiane c’è una bomba da 400 miliardi pronta a scoppiare