in

Guardia di Finanza al Ministero della Salute. Speranza trema per il piano pandemico

Dopo l’inchiesta di Report, nel ministero della Salute guidato da Speranza è scoppiata una vera bomba. Il governo c’era, ma dormiva. E adesso anche il ministro non può più fare finta di niente. L’ordine impartito alla Guardia di Finanza nei confronti di alcuni dirigenti romani del dicastero è stato quello di fare chiarezza sull’ormai noto piano antipandemia. Entra dunque nel vivo l’inchiesta della Procura di Bergamo dopo la denuncia di Francesco Zambon, il funzionario dell’Oms che ha raccontato di essere stato invitato “con le cattive” dal numero due dell’organizzazione, Ranieri Guerra, a posticipare la data dal 2006 al 2017 per farlo sembrare aggiornato.

Come riporta l’Agi, su disposizione dei magistrati, la Guardia di Finanza ha effettuato acquisizioni e sequestri, soprattutto di materiale informatico, al Ministero della Salute, all’Istituto Superiore della Sanità, in Regione Lombardia e nelle Ats di Milano e Bergamo. “L’intento è quello di ricostruire se ci siano state lacune tali da configurare l’ipotesi di omissione in atti d’ufficio in relazione al piano nazionale e alla sua ‘applicazione’ in ambito territoriale. Attività della Guardia di Finanza sono in corso anche nell’Asst di Seriate da cui dipende l’ospedale di Alzano Lombardo, chiuso e riaperto dopo 3 ore il 23 febbraio”. Il ministro Speranza per ora non ha dato comunicazioni a riguardo.

Da considerare, nel caso dell’ipotesi di omissione, la competenza territoriale che potrebbe spostarsi a Roma almeno per quanto riguarda il presunto mancato aggiornamento del piano nazionale del 2006. “Le acquisizioni si spiegano con la convocazione per il 20 gennaio di 4 alti dirigenti del Ministero: l’attuale direttore generale Giuseppe Ruocco, il suo predecessore Claudio D’Amario, e altri due dirigenti coinvolti nella preparazione del piano, Francesco Maraglino e Anna Caragha”.

La Gdf è entrata in tutti i loro uffici. Gli inquirenti vogliono anche capire come mai gli antivirali previsti dal piano, fossero in un deposito del Ministero vicino a Roma in condizioni di degrado. Guerra aveva assicurato ai pm durante la sua deposizione che le scorte di antivirali erano pronte. L’esistenza di un piano ‘locale’, ragionano in Procura, avrebbe potuto portare a un triage nell’ospedale di Alzano dove invece pazienti ‘puliti’ e ‘sporchi’ si mischiarono innescando una miccia che avrebbe poi dato origine al focolaio nella zona più piegata dal Covid. Si attendono precisazioni da parte del ministro Speranza.

Ti potrebbe interessare anche: Asporto vietato per bar e ristoranti, sci ancora tabù: ecco la nuova stretta del governo

Tutti in fuga da WhatsApp: “Troppe informazioni girate a Facebook”

Olanda, si dimette il governo del “frugale” Rutte. Travolti dallo scandalo