in

Sondaggi Termometro Politico, crolla la fiducia verso il premier. Ecco le cifre

Pubblicato il 11/09/2020 11:51 - Aggiornato il 11/09/2020 14:15

Non era difficile da aspettarselo, Promettopoli scherza con il fuoco. Secondo gli ultimi dati rilevati da Termometro Politico, scende significativamente la fiducia verso il premier Giuseppe Conte. Nei mesi scorsi, stando ai dati forniti da alcuni istituti di statistica, il premier era arrivato al 70% di gradimento, adesso la discesa libera lo arresta al 41,4%.

Un duro colpo dopo “l’ascesa costante” che aveva interessato la figura politica dell’”avvocato del popolo”. In pochi mesi il consenso sembra essersi polverizzato. Il modus operandi adottato dal governo all’interno dei contesti delle recenti vicende, sia a livello nazionale che internazionale, ha fatto ribollire i giudizi. A partire dalle continue e vuote comunicazioni che più per la portata delle manovre, sembravano esclusivamente finalizzate all’autocelebrazione. 

Impossibile dimenticare la scena in cui Conte, guardando verso la telecamera e rivolto all’Italia intera aveva dichiarato: “Diamo liquidità immediata per 400 miliarid di euro alle nostre imprese, che siano piccole medie e grandi. È una potenza di fuoco. Io non ricordo effettivamente un intervento così poderoso nella storia della nostra Repubblica a favore delle imprese”. E poi la patetica richiesta alle Banche di compiere l’atto d’amore, perchè la potenza di fuoco di cui aveva parlato non era affatto infiammabile come invece aveva fatto credere.

Promesse su promesse che non sono state mantenute e che invece di “non lasciare indietro nessuno”, hanno lasciato indietro tutti coloro i quali si ritrovano senza lavoro, tutti coloro che non sanno come mandare avanti la propria attività e che si sentono addosso la responsabilità verso i propri dipendenti, verso la propria famiglia, coloro che fanno parte della schiera dei nuovi poveri che sono costretti a rivolgersi ai banchi alimentari.

Promettopoli non ha avuto il coraggio di guardare in faccia la dura realtà in cui versa l’Italia… E adesso i risultati si vedono anche nei sondaggi.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

I banchi ancora non si vedono: ecco come si è difeso Arcuri. E i dubbi aumentano

11 settembre, a 19 anni di distanza gli effetti della strage non sono ancora finiti