in

Sondaggi Demos & PI, disastro Lega in Campania. Ma nelle altre Regioni il centrodestra vince

Pubblicato il 29/08/2020 09:27 - Aggiornato il 29/08/2020 11:59

Brutte notizie per Salvini per quanto riguarda le regionali in Campania. Le elezioni regionali e il referendum costituzionale del 20 e 21 settembre assumono una rilevanza particolare per i possibili riflessi politici a livello nazionale in una fase molto delicata della vita del Paese. Il sondaggio realizzato dall’istituto Demo & PI in vista delle elezioni in Campania certifica che il presidente in carica Vincenzo De Luca è accreditato di un vantaggio molto netto (oltre 21 punti) sul principale avversario, il candidato di centrodestra Stefano Caldoro. E a proposito del voto di lista emergono alcuni dati interessanti: il Pd con il 19,2% si colloca al primo posto, mentre la Lega scende a 3,3%, in forte arretramento rispetto alle Europee quando fu il partito più votato con il 19,2%.

Tuttavia buone notizie arrivano dai sondaggi aggregati dal Giornale, relativi alle altre regioni, che indicano come il centrodestra sia in vantaggio in 5 Regioni su 6.

Oggi Ilvo Diamanti su Repubblica insiste sulla crisi della Lega e illustra i risultati di un sondaggio Demos & PI sulle intenzioni di voto e sulla popolarità dei leader: Lega scende mentre Fratelli d’Italia continua la sua crescita. In calo anche il Partito Democratico e il MoVimento 5 Stelle mentre Forza Italia è sostanzialmente stabile e gli altri a sinistra continuano ad arrancare ben al di sotto della soglia psicologica (che potrebbe presto diventare elettorale) del 5%.

La Lega di Salvini, infatti, è ancora il primo partito, in Italia, con il 24,5% delle intenzioni di voto. Ma cala di circa 10 punti rispetto alle Europee e di 5 rispetto allo scorso febbraio. Non pare più un “muro”. Piuttosto, un “solco”, seppure profondo. Dietro, solo i FdI di Giorgia Meloni hanno allargato la loro base. A Destra. Erodendo, soprattutto, i consensi perduti dalla Lega. E da FI. Oggi hanno superato il 15%. Il doppio rispetto a un anno fa. Stabile anche Italexit di Paragone che resta vicino al 5%.

Giorgia Meloni, peraltro, ha scavalcato Salvini, nelle preferenze degli elettori. FdI, ormai, incalza il M5s. Dimezzato rispetto alle politiche del 2018. Tuttavia, stabile negli ultimi mesi. Come il PD. Poco sotto il 21%. Secondo partito, in Italia, ma ancora distante dalla Lega. Non si vede, dunque, un soggetto politico “dominante”. Interessanti anche i dati della popolarità dei leader tra i quali spicca il nome di Mario Draghi, che è terzo nella classifica dopo Giuseppe Conte e Luca Zaia.

Ti potrebbe interessare anche: Renzi, pressing con ricatto a Conte: “Attivi il Mes, o arriva Draghi…”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Derivati di Stato: quando Mario Draghi svendette l’Italia alle banche d’affari

Regionali, il M5S nei guai. Dal Veneto alla Toscana si prevede una debacle