in

Multato perché al lavoro senza Green pass, un uomo si dà fuoco davanti ai carabinieri

Pubblicato il 07/02/2022 10:22 - Aggiornato il 07/12/2022 18:13

Continuano i gesti estremi da parte di persone che subiscono le angherie del governo per non essere “in regola” con le follie vaccinali da loro preposte. Un uomo di 38 anni si è cosparso di liquido infiammabile e si è dato fuoco nel pomeriggio a Oderzo, in provincia di Treviso, dopo che i carabinieri gli avevano notificato un atto per una sanzione amministrativa. (Continua dopo la foto)

II controllo delle forze dell’ordine, uguale a quelli che si stanno eseguendo in tutta Italia su mandato del governo per verificare il rispetto delle regole anti Covid, ha provocato la tragedia. La multa al giovane lavoratore era stata inferta perché sprovvisto di Green pass. È ammissibile una cosa del genere? (Continua a leggere dopo la foto)

Come racconta La Repubblica l’uomo è stato immediatamente soccorso dagli stessi militari e ora si trova ora ricoverato per le ustioni all’ospedale di Oderzo. Non sarebbe in pericolo di vita. Nei giorni scorsi era stato sorpreso al lavoro senza Green Pass. Di qui, probabilmente, la decisione di darsi fuoco: il fatto è accaduto all’esterno del locale nel quale lo straniero lavora, una tavola calda di kebab. Ora tutti si augurano che il ragazzo possa sopravvivere, altrimenti il governo avrà sulla coscienza un’altra vittima.

Ti potrebbe interessare anche: “Dose fatale”. Carabiniere morto dopo la vaccinazione, ora è ufficiale

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Da Pfizer e Moderna niente più dati sulla sperimentazione dei vaccini”: la denuncia di Crisanti

“Prima la quarta dose, poi la quinta”: la conferma della strategia del governo, ecco cosa ci aspetta