in

“Sembra in vacanza”. La foto di salvini che “sorveglia” i barconi di immigrati diventa un caso. Eccola

Pubblicato il 06/08/2022 19:34

Matteo Salvini in versione turista a Lampedusa, ma anche in modalità candidato al Viminale a caccia di voti. Al suo secondo ed ultimo giorno di tour elettorale a Lampedusa, il leader della Lega si è concesso un giro dell’isola, non lesinando momenti ludici e rilassanti, facendo qualche tuffo qua e là nelle acque più limpide del Mediterraneo. Poco dopo, nel pomeriggio, è ripartito verso la terra lombarda, convinto di non aver sprecato il «blitz» sull’isola «che è la porta dell’Europa e non può essere il campo profughi d’Europa». Intanto la foto in barca scatena l’ilarità del web.

Il leader del Carroccio appare abbronzato e contento, sia per la passeggiata notturna tra i turisti, sia per il bagno alle otto del mattino «con le mamme» che gli chiedevano una foto. La scena è la spiaggia di Cala Francese, dove affaccia la villa extralusso di Berlusconi. L’ex premier nonché alleato di governo ha ospitato il leader della Lega tra le palme della sua residenza. Per due giorni Salvini ne ha fatto il suo blindatissimo quartier generale: videocall, telefonate di lavoro e incontri con i vertici dell’Arma di Agrigento. «Berlusconi non ci viene mai e io mi sono sacrificato», scherza Salvini in conferenza stampa.

Salvini lavora incessantemente per prendere un voto in più rispetto all’alleata Meloni, unendo l’utile al dilettevole, non disdegnando momenti di puro relax estivo a bordo dell’imbarcazione in foto con un gruppo di amici, tanto da scatenare l’ironia del web sulle varie pagine social che hanno riportato l’immagine. “Sembra appena uscito dal lido” scrive Dario. “Ma controlla gli sbarchi o si prende una scottatura?” scrive Maria. Giorgio da Napoli scherza “Il capitone bruciato al sole” e Umberto da Varese ride “Forse era meglio il Papeete per fare le vacanze”.

Potrebbe interessarti anche: “Uccisi dalla vigile attesa”. Ecco lo studio che inchioda il governo alle sue colpe

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Uccisi dalla vigile attesa”. Ecco lo studio che inchioda il governo alle sue colpe

Prima il bagno in mare poi il malore improvviso. Giada aveva 29 anni