Vai al contenuto

“Chi ha distrutto la sanità italiana”: lo studio che svela nomi e cognomi dietro anni di tagli e sprechi

Pubblicato il 11/08/2023 11:57 - Aggiornato il 11/08/2023 13:43

Apparentemente in conflitto costante, distanti su quasi ogni punto programmatico, destra e sinistra italiane condividono però una passione comune: quella per i tagli alla sanità. Tanti, tantissimi quelli già andati in scena in passato, sotto qualsiasi bandiera. Governi democristiani, rossi, verdi, neri e a tanti varie hanno portato a una “razionalizzazione” (così è stata definita) da record: in 10 anni (2010-2020) sono stati sottratti ai nostri ospedali 37 miliardi di euro, in nome di un presunto risparmio dai benefici ancora sconosciuti per i cittadini. Come raccontato da Paolo Russo sulle pagine della Stampa, il trend non si è affatto invertito di recente. Anzi: “Con la pandemia momentaneamente i finanziamenti sono risaliti. Ma, passata la paura del Covid, con il governo Meloni è già cominciata la discesa, che nel 2025 porterà a soli 75 miliardi le risorse disponibili al netto dell’inflazione. Nel 2006 erano 90″. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ridicolo e patetico”. Cacciari travolge la sinistra a In Onda: uno schiaffo a Elly Schlein (VIDEO)

Il bilancio dell’ultimo decennio, sul fronte sanità, è tutto un grandissimo segno meno: 4.800 medici in meno, 9.000 infermieri in meno, 8.000 medici di famiglia e guardie mediche in meno. E ancora, come riepilogato sempre dalla Stampa: “Meno 30.492 anche i posti letto, con 111 ospedali e 113 pronto soccorso ad aver chiuso i battenti, mentre al contrario il privato convenzionato, quello che spesso lascia al pubblico i malati più complessi e meno redditizi, ha raddoppiato, passando da 445 a 993 strutture che lavorano pagate dalle Regioni”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ogni politico passato dal Parlamento negli ultimi anni, a parole, si è detto pronto a battersi per invertire questo pericoloso trend. Nei fatti, è sempre successo il contrario. I tagli peggiori sono stati quelli andati in scena tra il 2010 e il 2019, quando i vari Berlusconi, Monti, Letta, Renzi, Gentiloni e Conte hanno contributio a sforbiciate da record. Il risultato? Le liste d’attesa arrivano a 12 mesi per una tac o una mammografia, l’80% delle apparecchiature è obsoleto, gli over 65 assistiti a domicilio sono meno del 3%. (Continua a leggere dopo la foto)

sanità tagli sprechi

Per riallinearsi alla spesa degli altri Paesi Ue, servirebbero almeno 50 miliardi di euro. Secondo Federico Spandonaro, economista sanitario dell’Università San Raffaele di Roma e presidente del Crea, “il Paese nel suo insieme non cresce, per via dell’enorme sommerso. Quindi bisognerebbe recuperare l’evasione e decidere quali settori possono dare un maggior contributo all’aumento del Pil. E uno di questi può essere a mio avviso proprio la sanità”. Parole che nemmeno il governo Meloni, però, sembra voler sentire.

Ti potrebbe interessare anche: “Non è vero niente”. Giuliacci smonta le bufale sul caldo record in arrivo: “Cosa ci aspetta davvero” (VIDEO)