Vai al contenuto

“Aumento del rischio di miocarditi e pericarditi”. L’ammissione Aifa sul vaccino: finalmente la verità

Pubblicato il 14/10/2023 09:22

Nessuno ne ha parlato, nessuno ne ha scritto. Eppure la notizia, a ben guardare, è di quelle clamorose: lo scorso 14 settembre 2023, la Comissione Europea e Aifa hanno messo nero su bianco, nell’allegato 1 alle decisioni di autorizzazione dei vaccini Pfizer e Moderna, “un aumento del rischio di sviluppare miocardite e pericardite”. Sottolineando di aver già registrato casi con conseguenze anche gravi, addirittura fatali in alcune occaisoni. La stampa mainstream non ha dato risalto a questo passaggio, fingendo di non vedere. Mentre i paladini dei farmaci anti-Covid si sono affrettati a sottolineare come l’infezione causata dal virus provocherebbe, in ogni caso, rischi maggiori rispetto alla somministrazione. A provare a fare chiarezza è stata la testata Buongiorno Südtirol, che si è confrontata con i ricercatori della Commissione Medico-Scientifica Indipendente (CMSi), che ormai da due anni cercano di fare luce sulla gestione pandemica. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Covid, ecco perché non hanno fatto le autopsie. Arrivano i dati veri a smentire la propaganda pro-vaccino

rischio miocarditi pericarditi vaccino

Dalle ricostruzioni è emerso come la Commissione, in un comunicato del 26 settembre basato sui riscontri dei Cdc (enti regolatori americani), abbia confermato come il rischio di miocardite post-iniezione non rappresenti una novità scientifica: “JAMA Cardiology descrive casi di miocardite acuta verificatisi tra persone che hanno ricevuto vaccini Pfizer-BioNTech o Moderna basati su mRNA autorizzati Usa. Valutazioni cliniche di questi pazienti non hanno rilevato eziologie alternative per miocarditi. In base ai dati oggi disponibili, la miocardite conseguente a immunizzazione con gli attuali vaccini a mRNA è rara”. (Continua a leggere dopo la foto)

rischio miocarditi pericarditi vaccino

Smentita anche la teoria secondo la quale queste patologie colpirebbero più facilmente i malati di Covid piuttosto che i vaccinati, sulla base di uno studio condotto in Israele: “Su quasi 200.000 Israeliani adulti positivi al SARS-CoV-2 che avevano superato una COVID-19 e 600.000 adulti negativi di controllo, lo studio ha mostrato nel 2020 incidenze di miocarditi e pericarditi niente affatto maggiori nei soggetti con COVID rispetto a quelli senza”. (Continua a leggere dopo la foto)

rischio miocarditi pericarditi vaccino

Sempre stando ai comunicati della Commissione, l’Ema avrebbe anche ammesso che non c’è alcun decorso più favorevole nei vaccinati rispetto agli altri malati da Covid. Sul fronte miocarditi e pericarditi, nella narrazione colletiva vengono definite “rare”, ma due importanti studi di sorveglianza attiva (uno tailandese, l’altro effettuato a Basilea) hanno smetito questa ricostruzione, mostrando un’incidenza di queste problematiche “nel 2,3-2,8% di adolescenti e sanitari adulti, dopo la seconda o terza dose di vaccini a mRNA”. La CMSi, a tal proposito, ha rivolto un appello al governo e alle Regioni sottolineando la necessità di verificare il rischio dio miocarditi e pericarditi, soprattutto nei soggetti in età inferiore ai 50 anni, sottolineando come il problema “sia ampiamente sottostimato”.

Ti potrebbe interessare anche: Case green, ecco i costi di ristrutturazione per ogni italiano. Cifre da capogiro: vergogna europea