Vai al contenuto

“Rimborsi fino a 200 euro”: a chi spettano le agevolazioni e come fare domanda

Pubblicato il 10/05/2023 11:06 - Aggiornato il 10/05/2023 11:08

Attesa da parte dei contribuenti per i rimborsi fiscali delle spese sostenute nel corso del 2022. Una delle poche note liete della stagione delle dichiarazioni dei redditi, non certo la più amata dagli italiani, è infatti quella di poter accedere ai rimborsi, che in alcuni casi possono arrivare anche a cifre importanti aiutando non poco le famiglie in difficoltà. Come ricordato da Affari Italiani, il mese di maggio è segnato soprattutto dalle tante scadenze fiscali: l’esonero dal canone Rai, innanzitutto, ma anche la dichiarazione dei redditi, che si può visualizzare dal 2 maggio e inviare a partire dall’11.
Anche le spese deducibili e detraibili sono già inserite e al contribuente non resta che scegliere se inviare il modulo così com’è o modificarlo, aggiungendo o rettificando alcuni dati e aggiungendo altre spese deducibili o detraibili che l’Agenzia non ha inserito. Bene, in ogni caso, fare attenzione, visto che ad alcuni contribuenti potrebbero essere sfuggite detrazioni alla quali avrebbero diritto. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Caro bollette, in arrivo sconti e il bonus famiglie. Ecco come ottenerlo e chi può usufruirne

Rimborsi fino a 200 euro: come richiederli

Per esempio, il contribuente può chiedere l’agevolazione fiscale per l’attiva fisica adattata inserendo l’importo speso nel rigo G15. Si tratta di attività fisiche, discipline sportive e riabilitazione funzionale per persone con difficoltà fisiche. 200 euro possono invece arrivare a chi, durante lo scorso anno, ha erogato spese per l’intermediazione immobiliare. (Continua al eggere dopo la foto)

Qualora si sia acquistato l’immobile da adibire ad abitazione principale e ci si sia avvalsi della consulenza dell’intermediatore mobiliare, si può fruire di una detrazione del 19% con limite di spesa a 1000 euro. Per ottenerla, bisogna riportare gli estremi del contratto, i dati dell’agente immobiliare e le spese sostenute, che ovviamente devono essere tracciabili. (Continua a leggere dopo la foto)

Ma come funziona, di preciso, la modalità di richiesta? Per sfruttare le agevolazioni bisogna collegarsi con la piattaforma dell’Agenzia delle Entrate ed effettuare l’autenticazione con SPID, Carta d’Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi. Poi si dovrà verificare l’esattezza dei dati e di eventuali elementi relativi all’intermediazione immobiliare e alle altre detrazioni. I rimborsi, solitamente, vengono erogati entro il mese successivo la presentazione del modello.

Ti potrebbe interessare anche: Addio reddito di cittadinanza, arriva l’assegno di inclusione: chi ne avrà diritto (e come richiederlo)