x

x

Vai al contenuto

Auto elettriche, la strage silenziosa. Report rivela i costi umani e ambientali del nuovo dogma UE (VIDEO)

Pubblicato il 20/11/2023 12:18
Report servizio batterie Indonesia

L’inchiesta “Scoperta elettrizzante” di Giulio Valesini e Cataldo Ciccolella, con la collaborazione di Eva Georganopoulou e Stefano Lamorgese, ha aperto l’ultima puntata di “Report”, andata in onda domenica 19 novembre alle 20.55 su Rai 3. Un servizio bomba che mette in luce il lato oscuro dell’elettrico, delle auto elettriche, delle batterie, della filiera per produrle e del marcio che c’è dietro quest accelerata imposta dall’Europa. È davvero tutto così bello, pulito, sano e umano questo “green” che stanno propagandando? E che interessi ci sono dietro? Quello che emerge è una realtà horror. Deforestazione, centrali a carbone, interi villaggi sgomberati con la forza, scarti chimici nelle acque, operai bruciati vivi, schiavi bambini, fauna e flora devastate, incidenti mortali. (Continua a leggere dopo il video)
>>> “Non poteva guidare!” Il camionista perde il carico e scappa. Due morti e cinque feriti. L’incidente choc (VIDEO)

“Questo è il prezzo nascosto dell’auto elettrica”. La Commissione Europea ha deciso che dal 2035 si potranno vendere solo veicoli elettrici. Bene, questo perché bisogna abbattere “a tutti i costi”, anche sulla pelle di persone sfruttate e bambini schiavizzati, le emissioni di Co2 per combattere l’effetto serra. “Ma se la transizione avverrà senza tenere in conto i costi umani e ambientali, rischia di essere solo una tinta di verde che copre ogni sorta di abusi”, dicono gli autori dell’inchiesta choc. La parte più importante di un’auto elettrica, infatti, è la sua batteria: 500 chili di minerali tra cui nichel, litio, manganese, cobalto, che viaggiano fino a 50.000 miglia nautiche prima di raggiungere la fabbrica in cui saranno trasformati in celle. Non proprio a Km zero… (Continua a leggere dopo il video)
>>> Marmitte, misterioso boom di furti. Cosa sta succedendo e quali sono le auto più a rischio

E d’altronde i fornitori di materie prime per ogni singola casa automobilistica sono centinaia: è difficile sapere da dove arrivano e dove finiscono i minerali per i veicoli elettrici, nemmeno il congresso americano è riuscito a farli mappare. “Report” ha deciso di indagare sulla filiera del nichel, un minerale che costituisce il 10% circa del peso delle batterie più performanti, dai 39 ai 43 chili per auto. La troupe è finita in Indonesia dove ha potuto documentare quanto poco pulita è la filiera e quanto incide sui diritti umani più basici, a partire dall’accesso all’acqua. Anche nella vicina Germania, la fabbrica di Tesla è al centro di infuocate polemiche per il suo impatto ambientale.

Ti potrebbe interessare anche: “Lo sciopero? Ecco la verità”. Porro asfalta Landini: umiliazione totale in diretta (VIDEO)