Vai al contenuto

Vaccini, il governo del Texas cita in giudizio la Pfizer: “Distorsioni, falsità e censura” Una causa storica

Pubblicato il 01/12/2023 12:12
Pfizer procurato generale Texas

Svolta negli Stati Uniti, dove il procurato generale del Texas cita in giudizio il colosso farmaceutico Pfizer sui vaccini per aver distorto e falsato le reali informazioni sull’efficacia e per aver tentato di censurare la discussione pubblica sul prodotto. Secondo il procuratore Ken Paxton, Pfizer si sarebbe impegnata in atti e pratiche false, ingannevoli e fuorvianti facendo affermazioni non supportate dai fatti riguardanti il vaccino anti-COVID-19 dell’azienda in violazione del Texas Deceptive Trade Practices Act. Come riporta Scenari Economici che ha visualizzato il documento, il punto nevralgico è sulla diffusa affermazione dell’azienda farmaceutica secondo cui il suo vaccino possedeva un’efficacia “del 95%” contro l’infezione. Peccato che, come hanno poi dimostrato gli eventi, non è stato affatto così. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Gismondo, rivelazione bomba: “Ecco cosa contiene il nuovo foglietto illustrativo del vaccino PFIZER” (VIDEO)

“Tale metrica rappresentava un calcolo della cosiddetta ‘riduzione del rischio relativo’ per gli individui vaccinati nei risultati iniziali della sperimentazione clinica di due mesi di Pfizer. Le pubblicazioni della FDA indicano che la “riduzione relativa del rischio” è una statistica fuorviante che “influenza indebitamente” la scelta del consumatore. Allo stesso tempo la Pfizer venne informata che la protezione vaccinale non poteva essere prevista con precisione oltre i due mesi. Tuttavia, Pfizer ha alimentato l’impressione fuorviante che la protezione vaccinale fosse duratura e ha nascosto al pubblico informazioni che hanno minato le sue affermazioni sulla durata della protezione. E, nonostante il fatto che la sua sperimentazione clinica non sia riuscita a misurare se il vaccino protegge dalla trasmissione, Pfizer ha intrapreso una campagna per intimidire il pubblico affinché si sottoponesse al vaccino come misura necessaria per proteggere i propri cari”. (Continua a leggere dopo il video)

Pfizer, cosa scrive il procuratore generale del Texas

In effetti, il prodotto Pfizer non è stato all’altezza delle dichiarazioni dell’azienda. “I casi di COVID-19 sono aumentati dopo la somministrazione diffusa di vaccini e alcune aree hanno registrato una percentuale maggiore di decessi per COVID-19 tra la popolazione vaccinata rispetto a quella non vaccinata. Quando il fallimento del suo prodotto è diventato evidente, Pfizer ha deciso di mettere a tacere coloro che dicono la verità. “I fatti sono chiari. Pfizer non ha detto la verità sui vaccini contro il COVID-19. Mentre l’amministrazione Biden ha utilizzato la pandemia come un’arma per imporre al pubblico decreti illegali sulla salute pubblica e arricchire le aziende farmaceutiche, userò ogni strumento a mia disposizione per proteggere i nostri cittadini che sono stati ingannati e danneggiati dalle azioni di Pfizer”, termina il procuratore generale del Texas.

Ti potrebbe interessare anche: Bill Gates e gli altri miliardari Green: ecco quanto inquinano da soli. Oxfam li mette in mutande così