in

Pronto il nuovo segretario del PD: “Se mi volete queste sono le mie condizioni”

A chi tocca la patata bollente del Pd dopo l’addio di Zingaretti? A quanto si vocifera in modo sempre più insistente dovrebbe essere Enrico Letta il segretario traghettatore di questo Pd in crisi nera. I big Dario Franceschini, Andrea Orlando e lo stesso Nicola Zingaretti in queste ore sono in pressing sull’ex premier. Stando al Corriere, “sembra che nelle ultime ore Letta si sia convinto a prendere in mano le redini del Pd. Ma ovviamente pone delle condizioni. Fondamentalmente due”. Innanzitutto, che la sua candidatura sia la più unitaria possibile e poi il congresso nel 2023. Sull’unità, “un requisito minimo per chi si dovrebbe accingere a guidare i dem, tanto più dopo la travagliata vicenda di Nicola Zingaretti, che ha lasciato la segreteria proprio a causa delle divisioni del Pd”. (Continua a leggere dopo la foto)

Letta può contare sulla maggioranza che ha eletto Zingaretti, che dopo la scissione renziana, ha in Assemblea nazionale numeri quasi bulgari: il 75 per cento circa. “Infatti garantisce la continuità della politica di quell’area sia per quel che riguarda il rapporto con i 5 Stelle che per la distanza da Matteo Renzi. Dicono anche che vi sarebbe da parte di Letta la richiesta di indire poi il congresso a scadenza naturale, ossia nel 2003, senza anticiparlo di un anno”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Azzolina umiliata anche a Sanremo, Madame porta sul palco i banchi a rotelle

Ma le minoranze interne sembrano ancora guardinghe. Così Base riformista, ossia la corrente di minoranza del Pd che ha un terzo del gruppo della Camera e quasi la metà di quello del Senato. Matteo Orfini, leader dell’altra minoranza dem, ai suoi che gli chiedevano lumi su Letta, ieri ha risposto con un laconico: “È ancora tutto prematuro”. (Continua a leggere dopo la foto)

L’idea però di dover aspettare le assise nazionali per dare una guida stabile al Partito democratico non convince affatto i sostenitori della candidatura di Letta. Il ministro della Cultura Franceschini ancora ieri con i suoi insisteva: “Non possiamo mettere un re Travicello, ci vuole una figura autorevole”. Letta, appunto.

Ti potrebbe interessare anche: Azzolina umiliata anche a Sanremo, Madame porta sul palco i banchi a rotelle

Un lockdown mascherato e senza ristori: le nuove restrizioni di Draghi già da questo weekend

L’odissea senza fine dei risparmiatori traditi dalle banche: i rimborsi ancora non si vedono