Vai al contenuto

“Morti improvvise più che raddoppiate”. A dirlo ora è la scienza: il grafico choc

Pubblicato il 25/09/2023 15:43

“Morti improvvise più che raddoppiate dopo l’inizio della campagna di vaccinazione di massa della popolazione per il Covid“. Questa la sintesi di un dossier sconcertante pubblicato in Germania e che, ancora una volta, invita a riflettere sulle conseguenze delle azioni portate avanti dai governi durante la pandemia. Il grafico, proveniente dall‘Associazione dei medici assicurativi (KBV), è stato riportato dal Giornale d’Italia ed è al centro, in questi giorni, di un accesissimo dibattito politico, visto che il parlamentare tedesco Martin Sichert e l’analista di dati Tom Lausen ne hanno chiesto la pubblicazione. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Colpa anche del vaccino”. Bambini nati morti, miocarditi e morti improvvise, sul Tg Rai i dati choc (VIDEO)

morti improvvise raddoppiate

Dai dati, basati sui registri assicurativi di 72 milioni di tedeschi, sembra evidente un aumento abbastanza drammatico delle morti improvvise. La ricerca ha sottolineato come i decessi sarebbero più che raddoppiato da quando il vaccino è stato introdotto, passando da circa 6.000 a trimestre a 14.000 attualmente. (Continua a leggere dopo la foto)

morti improvvise raddoppiate

La differenza, 8.000, significherebbe che più di 80 persone ogni giorno muoiono improvvisamente e misteriosamente. I dati sono basati sui registri assicurativi di 72 milioni di tedeschi. Il grafico è ovviamente diventato subito oggetto di accesa discussione, tanto tra i politici quanto tra gli utenti sui social. (Continua a leggere dopo la foto)

morti improvvise raddoppiate

Il professor Stefan Homburg, ex direttore dell’Istituto di finanza pubblica dell’Università di Hannover, ha twittato: “Da quando è iniziata la vaccinazione all’inizio del 2021, i decessi sono esplosi ‘improvvisamente e inaspettatamente’. Lo dimostrano i nuovi dati KBV dei 72 milioni di assicurati”.

Ti potrebbe interessare anche: Vaccini e decessi, “Il nesso causale non è necessario”. Storica decisione di Seul: i risarcimenti alle famiglie