in

Le mascherine restano, è accanimento sui lavoratori: la decisione del governo (e i sindacati applaudono)

Citando Karate Kid e il suo “Metti la cera, togli la cera”, Draghi e Speranza insistono con “metti le mascherine, togli le mascherine”. Per arrivare poi alla soluzione che ci vedrà ancora con i volti coperti. Già, perché il governo ci presenta l’ennesima farsa legata a questa brutta storia. L’ultima “novità” è che le mascherine resteranno per i dipendenti di aziende ed esercizi privati. Come scrive Alessandro Sallusti su Libero, senza lasciar spazio a tante interpretazioni, “a me sembrano tutti matti e a questo punto è davvero difficile distinguere tra scienza e politica”. Vagli a dare torto… Funziona così: “Io commessa di un negozio devo stare con la mascherina ma se entro nello stesso da cliente posso farne a meno; se sono impiegato per le sei ore di lavoro devo proteggermi la bocca ma per le restanti 18 no, qualsiasi cosa faccia”. Non è meravigliosa la genialità di Speranza&Co.? (Continua a leggere dopo la foto)

La logica è morta da un pezzo. Il nuovo obbligo, dunque, “non vale per i dipendenti pubblici che potranno lavorare a volto scoperto non si capisce in nome di quale misteriosa maggiore immunità. E dire che gli italiani, ancora una volta, stanno dimostrando maggior buon senso di chi li governa e da quando – il primo di maggio – è caduto l’obbligo alzano e abbassano la mascherina a seconda della comune percezione di pericolo, della loro situazione clinica e psicologica. Cioè usano la protezione non più in base a un generico concetto di sicurezza, peraltro oggi inutile a detta di numerosi esperti, bensì a un più pragmatico e legittimo senso, o necessità, di sicurezza personale”. (Continua a leggere dopo la foto)

Un altro grande problema è che per l’ennesima volta i sindacati (ma anche diverse associazioni di categoria) si sono appecoronati al governo. “Sospettiamo – scrive Sallusti – che il motivo non sia sanitario ma abbia a che fare con la necessità di tutelarsi rispetto a possibili vertenze legali ed economiche che lavoratori eventualmente infettati potrebbero avanzare nei loro confronti”., sempre per colpa delle leggi folli di questo governo. “Un rischio reale figlio dell’ambiguità del decreto di fine aprile che aveva messo sì fine alle misure emergenziali ma lasciato alle aziende la libertà di fare o non fare alcune cose – tipo appunto l’obbligo di mascherina per i dipendenti – con le famose ‘raccomandazioni’ perché non si sa mai cosa può succedere”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il governo non ha avuto il coraggio di dire basta e prendersi una responsabilità in tal senso, pensava di sfangarla ‘raccomandando’ tutele. “Come dire: cari imprenditori, vedetevela un po’ voi. E siccome nessuno è fesso, tantomeno gli imprendi-tori, ecco la marcia indietro. Ancora una volta la soluzione viene alla fine scaricata sui lavoratori: tenetevi ‘sta mascherina e qualsiasi cosa vi accadrà la colpa sarà solo vostra. In fondo, nulla di nuovo per questo Paese”.

Ti potrebbe interessare anche: ITALEXIT PER L’ITALIA al 4,2%, il sondaggio del Corriere della Sera che cambia la politica italiana

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Mascherine obbligatorie? Sì, ma non per tutti. Con le nuove regole scattano eccezioni e discriminazioni

“Stanno facendo l’ennesima pagliacciata”. Bianchini (Mio Italia) asfalta Governo e Unione Europea