in

L’Italia muore di fame! Coronavirus, 1 milione di nuovi poveri

Pubblicato il 25/04/2020 11:25

Secondo una stima della Coldiretti, effettuata sulla base di coloro i quali hanno beneficiato degli aiuti alimentari, è aumentato di oltre un milione il numero delle persone che non hanno di che sfamarsi. Caritas e Banco Alimentare registrano un aumento del 40% delle richieste con picchi anche superiori in alcune zone del Paese. Le maggiori criticità sono in Campania (20%), Calabria (14%), Sicilia (11%), Lazio (10%) e Lombardia (9%). 3,7 milioni è il nuovo numero di poveri in Italia, prodotto di settimane di blocco del sistema economico-produttivo. Dietro questo numero ci sono persone che hanno perso il lavoro e non possono lavorare in smart working, persone con contratti a tempo determinato, o che lavoravano saltuariamente, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, persone che non godono di aiuti pubblici o sussidi e non hanno risparmi.

Si tratta di una emergenza sociale senza precedenti dal dopoguerra. Tra i centri di distribuzione dei pacchi alimentari e le mense solidali si vedono tanti volti nuovi, che mai prima di adesso si erano trovati in condizioni così problematiche. I volontari raccontano che arrivano numerose chiamate di madri e padri che non sanno come sfamare i propri figli e si vergognano di trovarsi in questa difficoltà. Aumenta il numero di persone che contribuiscono attraverso donazioni: più di un terzo (36%) lo ha fatto con donazioni via web, il 17% ha usato il telefono, mentre 1 italiano su 4 (25%) si è preoccupato di fare la spesa per anziani e disabili mentre una fetta altrettanto importante della popolazione pari al 24%.

Anche all’interno dei carceri le persone reagiscono mobilitandosi prontamente. “La repubblica” racconta l’iniziativa solidale del carcere di Bollate. I detenuti hanno raccolto le loro il possibile e lo hanno donato alla Protezione civile: 1.405 euro e 200 chili di prodotti al Banco alimentare lombardo.
Aumenta la povertà e grazie agli italiani aumenta il numero di attività solidali. E il governo? Ah già. Anche il governo porta il proprio contributo alla Nazione con aumenti: aumenta il numero di promesse non mantenute, di chiacchiere, di task force speciali che contano oltre 450 esperti, di autocertificazioni, di continue revisioni dei Decreti…

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Altro che giubileo fiscale: all’orizzonte ci sono nuovi aumenti delle tasse

Trucchi delle banche e intoppi burocratici: la prima settimana del dl liquidità è un disastro