in

“Linfonodi ingrossati a un anno dal vaccino”. E la Repubblica scopre i danni collaterali: il caso

Pubblicato il 09/12/2022 11:10 - Aggiornato il 09/12/2022 11:52

È normale avere sviluppato problemi fisici dopo la vaccinazione che continuano a trascinarsi nonostante il passare dei mesi? È giusto che in Italia si continui a ignorare le persone che, dopo la somministrazione, hanno visto la loro vita stravolta? Domande che attraverso le pagine del Paragone continuiamo a porci da mesi, consapevoli della gravità di una situazione che continua a essere nascosta, in maniera sempre più goffa, agli occhi della maggior parte degli italiani. E che ha trovato conferma in queste ore anche in una lettera pubblica da Repubblica: “Ho 28 anni e ho fatto tre dosi di vaccino, con vaccini tutti diversi. Dopo qualche giorno dall’ultima dose sono comparsi alcuni linfonodi ingrossati, che permangono ancora a circa un anno di distanza: uno all’inguine (doloroso e fastidioso), l’altra sotto il costato sinistro e gli altri in diversi punti del corpo. Non andranno più via? Ho fatto le analisi del sangue tre volte e non sono emersi problemi”. (Continua a leggere dopo la foto)

Questo il contenuto del messaggio scritto da un ragazzo, comprensibilmente preoccupato per il peggioramento delle sue condizioni di salute dopo la somministrazione dei farmaci anti-Covid. Una lettera alla quale ha risposto Carmelo Carlo-Stella, capo Sezione Linfomi e Mieloma dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas e Professore ordinario di Ematologia presso Humanitas University. (Continua a leggere dopo la foto)

“Che dei linfonodi si ingrossino per un breve periodo di tempo – ha spiegato Carlo-Stella – dopo un vaccino (di qualsiasi tipo) è del tutto normale. I linfonodi, infatti, sono la sede della risposta immunitaria, dove avviene la produzione di anticorpi. Osserviamo la comparsa di linfonodi ingrossati solitamente vicino al sito di inoculazione, più frequentemente nei bambini: nella maggior parte dei casi la risposta immunitaria comincia nei sette giorni che seguono la vaccinazione e dopo questo periodo i linfonodi tendono a tornare delle dimensioni normali”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Una persistenza dei linfonodi ingrossati così a lungo, come riporta il lettore, è quindi insolita – ha ammesso l’esperto – ed è corretto che il medico abbia visitato il paziente per accertarsi che si trattasse effettivamente di linfonodi, se fossero piccoli o grandi, dolenti o meno. Nella fase immediatamente successiva, è necessaria la prescrizione di esami del sangue, per accertarsi che non vi sia un’infezione in atto. E, a seguire, l’esecuzione di un esame ecografico per indagare le caratteristiche dei linfonodi e procedere, se necessario, ad una biopsia linfonodale”.

Ti potrebbe interessare anche: Isee quadruplicato, +128% di Imu: così la riforma del catasto si abbatterà sugli italiani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Abbiamo il diritto di saperlo!”. Borgonovo asfalta Myrta Merlino (che rosica in diretta). Il VIDEO

“Boom di ricoveri per effetti indesiderati”. Allarme dall’Europa, pubblicati i veri dati: cosa emerge