Vai al contenuto

“La percezione del mondo come spazio omogeneo, visibile e…”

Pubblicato il 18/07/2021 00:30

Analisi e citazioni di Lorenzo Borrè
“La percezione del mondo come spazio omogeneo, visibile e accessibile da tutte la parti, è diventata dovunque egemonica.
Questa visione è imperialista perché rivendica il diritto di vagare per il mondo senza incontrare ostacoli e di agguantare qualunque cosa gli venga in mente, esattamente come se non ci fossero né luoghi, né comunità, né nazioni. I meccanismi di GATT, NAFTA e il WTO sono nati nello spirito della demolizione delle frontiere.
Essi codificano il mondo come un’arena economica liberamente accessibile, in cui l’economia gode il diritto di precedenza. Le regole da poco stabilite sono designate a proclamare le società transnazionali come soggetti sovrani dentro lo spazio globale, esenti da qualsiasi obbligo verso le regioni o i governi nazionali. Il protezionismo dello Stato è quindi abolito, solo per essere sostituito da un nuovo protezionismo che favorisce le società. Le compagnie transnazionali sono autorizzate a rivendicare ogni sorta di libertà e diritti, mentre gli stati territoriali ( per non parlare dei cittadini o delle associazioni civiche) devono stare in secondo piano”.
Wolfang Sachs