in

La Cina vuole fregarci anche i semi: le mire di Pechino sul “tesoro verde” italiano

Pubblicato il 21/05/2021 10:10 - Aggiornato il 21/05/2021 10:27

Ora la Cina ci frega anche i semi. Sotto gli occhi distratti di un governo per nulla determinato a difendere le aziende italiane in crisi dalle mire straniere, il nostro Paese rischia di dover assistere all’ennesimo, sanguinoso passaggio di mano, quello dell’azienda di sementi cesenate Verisem. Una realtà sulla quale, in un momento di grave emergena, Pechino ha già messo gli occhi, deciso a dar via a una produzione di ortaggi pseudo-italiani come già fatto in passato con altri prodotto di alta qualità, come il vino di Bordeaux finito nelle mani cinesi, oggi in controllo di almeno 160 vigneti francesi.

La Cina vuole fregarci anche i semi: le mire di Pechino sulla Verisem di Cesena

Un nodo, quello della Verisem, particolarmente delicato. Perché il governo, sulla carta, non potrebbe nemmeno effettuare quel potere di “golden power” introdotto per tutelare le aziende strategiche italiane e impedire che possano finire facilmente in mani straniere. La norma non menziona infatti il settore delle sementi, soltanto l’approvvigionamento “di fattori produttivi e agroalimentare”. Con il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli che, come rivelato da Repubblica, sta ora ragionando sulla possibilità di chiedere al Consiglio dei ministri di intervenire per trovare una soluzione prima che sia troppo tardi.

Closeup of sunflower sprout.

Fondata nel 1974 a Longiano, in provincia di Cesena, la Verisem era nata come piccola azienda dedita alla produzione di semi per frutteti domestici, andando però incontro a una rapidissima crescita. In 20 anni si è trasformata in una big del settore a livello internazionale. Con il passaggio, nel 2015, al fondo americano Usa Paine & Partners, che ne acquista la quasi totalità delle quote (il 6% resta italiano). A inizio 2021, la scomparsa del fondatore Antonio Suzzi, 73 anni. Ed ecco che subito la nuova dirigenza a stelle e strisce mette in vetrina, pronta a finire nelle mani del miglior offerente.

Collection of agricultural seeds

Gli acquirenti più interessati sono due colossi cinesi, determinati a sfruttare a livello internazionale i brevetti dell’azienda, e decisi a battere la concorrenza italiana rappresentata da una cordata tra Bonifiche Ferraresi e Fondo Italiano d’Investimento, quest’ultimo controllato dalla nostra Cassa Depositi e Prestiti. Secondo Repubblica Sygenta e Cic, con sede a Pechino, sarebbero pronte a sborsare anche 200 milioni di euro pur di concludere l’affare. Sfruttando la latitanza di un governo che non pare certo muoversi con la celerità necessaria, la Cina potrebbe così soffiarci un altro tassello fondamentale del nostro puzzle.

Ti potrebbe interessare anche: La Raggi ha scelto: l’esperta di Burlesque è la nuova assessora alla cultura di Roma

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Aiutateci a sostenere i commercianti e il made in Italy”, l’appello del presidente di Federmoda Confcommercio

Salvini-Meloni, tutta la verità: un sondaggio svela chi vince tra i due (e dove)