in

L’incredibile lettera dell’Inps: ecco cosa ha scritto a un deceduto. Una tragicommedia

Pubblicato il 25/05/2021 15:27

Che non si dia che l’Inps non stia lavorando sodo per recuperare tutto il recuperabile. Anche oltre il regno terreno, cercando di arrivare persino nell’adilà. È quanto meno curiosa, e tragicomica, la lettera che l’Inps ha inviato a un signore deceduto, per chiedergli di presentarsi in ufficio. “Gentile Signore, le comunichiamo che lei è decaduto dal diritto alla pensione di cittadinanza per le seguenti motivazioni: è deceduto. Tuttavia, lei potrà recarsi presso i nostri uffici per ricevere ulteriori chiarimenti e inoltre, entro 30 giorni dal ricevimento della presente, potrà proporre istanza motivata di riesame”. È tutto vero. (Continua a leggere dopo la foto)

Come racconta Alberto Di Majo su Il Tempo, “sembra uno scherzo ma non lo è. La lettera è stata scritta pochi giorni fa dall’Inps e inviata al signor Franco O., morto a Roma lo scorso 17 marzo. Il signor Franco, un ingegnere che aveva lavorato molti anni all’estero mettendo da parte soltanto pochi contributi, aveva la pensione di cittadinanza dal 2019 (l’aveva richiesta, come ricorda la stessa Inps nella missiva, ad aprile di quell’anno) e ogni dodici mesi doveva presentare la documentazione fiscale necessaria”. (Continua a leggere dopo la foto)

Poi che è successo? Quasi due mesi fa l’Inps ha preso atto della morte ma ha scritto lo stesso al titolare dell’assegno per avvertirlo che non ne avrà più diritto. “Nella comunicazione, firmata dal direttore Angelo Franchitti, si precisa anche che ‘contro il presente provvedimento può proporre azione giudiziaria nelle forme di rito e nei previsti termini di legge, dandone notifica a questa Sede’”. E ci credo: è morto il poveretto. (Continua a leggere dopo la foto)

Dunque, l’Inps “scrive a un morto per dirgli che non prenderà più la pensione di cittadinanza perché è, appunto, morto, ma gli ricorda anche che, se non fosse d’accordo, può fare ricorso. Che l’Inps abbia uffici anche in Paradiso? Peraltro in questo caso la lettera è l’ultima beffa per i parenti del signor Franco, deceduto più di due mesi fa a Roma ma ancora in attesa di una sepoltura (come già capitato a molti altri cittadini)”.

Ti potrebbe interessare anche: Dalla Francia: “Dio è felice quando gli italiani crepano”. L’odio sui social dopo Stresa

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Ora dovete ripagare i debiti”. L’Ue riattiva il patto di stabilità: e per l’Italia sono guai

Tutti licenziati! Dopo la “sorpresa francese”, Stellantis inizia la riorganizzazione